cerca CERCA
Domenica 13 Giugno 2021
Aggiornato: 00:27
Temi caldi

Coronavirus, Mit proroga al 3 aprile misure su mobilità

25 marzo 2020 | 15.30
LETTURA: 3 minuti

La ministra Paola De Micheli ha firmato un decreto che prolunga l'efficacia di otto decreti interministeriali, siglati col Ministero della Salute

alternate text
Fotogramma

Sono tutti prorogati fino al 3 aprile prossimo i provvedimenti messi in atto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per far fronte all'emergenza sanitaria da Covid19 e per contrastare la diffusione della malattia. La ministra Paola De Micheli ha firmato un Decreto che prolunga l'efficacia di otto Decreti interministeriali, siglati col Ministero della Salute, contenenti diverse misure finalizzate ad una forte limitazione della mobilità delle persone sul territorio italiano e del trasporto dei passeggeri attraverso i diversi vettori. Inoltre è prevista l’introduzione di un’ulteriore riduzione dei servizi ferroviari a lunga percorrenza (Intercity e Frecce) sempre fino al 3 di aprile.

Le misure che vengono prorogate nel dettaglio riguardano: la razionalizzazione del trasporto aereo e dell'operatività degli aeroporti (Decreto n.112), la riprogrammazione dei treni a lunga percorrenza e del trasporto ferroviario dei passeggeri (Decreto n.113), la riduzione dei servizi non di linea e automobilistici interregionali (Decreto n.114), la riduzione dei servizi ferroviari Intercity (Decreto n.116) con un nuovo ridimensionamento dei treni, la sospensione del trasporto passeggeri con la Sardegna (Decreto n.117), la forte limitazione del trasporto passeggeri con la Sicilia (Decreto n.118), l'introduzione dell'obbligo del periodo di isolamento fiduciario di 15 giorni per chi rientra dall'estero (Decreto n.120). In questo caso al provvedimento viene apportata una nuova modifica: l'esenzione dall'obbligo di isolamento fiduciario si estende all'equipaggio dei mezzi di trasporto e al personale viaggiante appartenente a imprese aventi sede legale in Italia. L’obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni previsto per chi entra in Italia non si applica al personale sanitario, ai lavoratori transfrontalieri per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza o abitazione; ulteriori restrizioni al trasporto passeggeri con la Sicilia e la Sardegna (Decreto n.122).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza