cerca CERCA
Martedì 03 Agosto 2021
Aggiornato: 00:20
Temi caldi

Coronavirus, "numero morti sottostimato": polemiche in Gb

14 aprile 2020 | 12.13
LETTURA: 2 minuti

E' quanto emerge dai dati pubblicati dall'Office for National Statistics (Ons): "Non tiene conto dei decessi nelle case di cura per anziani"

alternate text
(Foto Afp)

Le morti da Covid-19 nel Regno Unito sono sottostimate del 15% e non tengono conto dei decessi che sono avvenuti nelle case di cura per anziani. E' quanto emerge dai dati pubblicati dall'Office for National Statistics (Ons), che sembrano confermare il grido di allarme lanciato in questi giorni da alcune associazioni. Se si paragona la settimana conclusasi il 27 marzo con quella conclusasi il 3 aprile, appare che i decessi da coronavirus registrati nelle case di cura in Inghilterra e Galles sono stati rispettivamente 20 e 217. Una differenza di quasi 10 volte.

E tuttavia, questi dati non vengono inseriti nei bollettini ufficiali, che tengono conto solamente dei decessi avvenuti in ospedale, che stando ai dati aggiornati alle 17 del 12 aprile erano stati 11.329. Ai dati degli ospedali e delle case di cura per anziani, sottolineano i media britannici, andrebbero poi aggiunti quelli dei decessi da Covid-19 avvenuti nelle abitazioni private, portando così il totale delle vittime ad una cifra che oscilla tra il 10% e il 15% in più di quella attuale.

I dati dell'Ons hanno suscitato l'immediata reazione dell'associazione per la tutela degli anziani Age UK. "Le cifre attuali stanno cancellando le persone più anziane, come se non contassero nulla", ha denunciato la direttrice Caroline Abrahams. La Care Quality Commission, l'ente regolatore inglese per le case di cura ha annunciato che da questa settimana inizierà a registrare i decessi da Covid-19 all'interno delle strutture per anziani.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza