cerca CERCA
Giovedì 06 Maggio 2021
Aggiornato: 15:39
Temi caldi

Coronavirus, Oms: "Abbiamo dato allarme subito e più volte"

29 aprile 2020 | 18.33
LETTURA: 3 minuti

Il dg Ghebreyesus: "Il 31 dicembre 2019 report su cluster polmoniti a Wuhan"

alternate text
Foto AFP

"Sin dall'inizio, l'Oms ha agito rapidamente e con decisione per rispondere e avvertire il mondo. Abbiamo dato l'allarme presto e l'abbiamo dato spesso. Abbiamo ripetutamente affermato che il mondo aveva una finestra di opportunità per prepararsi e prevenire la trasmissione del coronavirus nella comunità". Lo ribadisce oggi il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra.

"Domani saranno trascorsi 3 mesi dal giorno in cui l'Oms ha dichiarato Covid-19 un'emergenza sanitaria di rilevanza internazionale. In conformità con il Regolamento sanitario internazionale, domani riunirò il Comitato di emergenza, per valutare l'evoluzione della pandemia e per aggiornare le raccomandazioni", ha reso noto Ghebreyesus.

"Oggi vorrei dedicare qualche istante a ripensare al periodo precedente l'annuncio, per essere chiari su ciò che l'Oms sapeva e su ciò che abbiamo fatto: dall'inizio abbiamo agito velocemente per affrontare questa emergenza", ha ribadito.

"Il 31 dicembre 2019 - ha ricordato - l'Epidemic Intelligence System dell'Oms ha raccolto un rapporto su un gruppo di casi di polmonite di causa sconosciuta a Wuhan. Il giorno seguente, il giorno di Capodanno, l'Oms ha chiesto alla Cina ulteriori informazioni ai sensi del Regolamento sanitario internazionale e ha attivato il nostro team di supporto alla gestione delle emergenze, per coordinare la risposta attraverso la sede centrale e gli uffici regionali e nazionali. Il 2 gennaio, l'Oms ha informato la rete globale di allerta e risposta alle epidemie - o Goarn - che comprende più di 260 istituzioni in oltre 70 Paesi".

"Il 3 gennaio - ha proseguito - la Cina ha fornito informazioni all'Oms attraverso una riunione faccia a faccia a Pechino e attraverso il Sistema di informazione sugli eventi dell'Oms istituito ai sensi del Regolamento sanitario internazionale. Il 4 gennaio, l'Oms ha segnalato il cluster di casi su Twitter. A quel punto, non erano ancora stati segnalati decessi. Il 5 gennaio, l'Oms ha condiviso informazioni tecniche dettagliate attraverso il suo sistema di informazione. Lo stesso giorno, l'Oms ha anche pubblicato la sua prima notizia pubblica sull'epidemia di malattia, con informazioni tecniche per le comunità scientifiche e di sanità pubblica, nonché per i media".

"Il 10 e 11 gennaio - ha continuato il Dg - l'Oms ha pubblicato un pacchetto completo di linee guida su come rilevare, testare e gestire i casi e proteggere gli operatori sanitari dalla potenziale trasmissione da uomo a uomo, sulla base della nostra precedente esperienza con i coronavirus. L'11 gennaio, la Cina ha condiviso la sequenza genetica del virus e lo stesso giorno ha riportato la prima morte. Il 13 gennaio il primo caso è stato segnalato fuori dalla Cina, in Tailandia. Il 14 gennaio abbiamo dato notizia che le indagini preliminari evidenziavano la possibilità di trasmissione uomo-uomo. Il 20 e 21 gennaio il personale dell'Oms ha visitato Wuhan e il 22 ha riferito che le prove suggerivano che si stava verificando una trasmissione da uomo a uomo. Il 22 e 23 gennaio ho convocato il Comitato di emergenza, composto da 15 esperti indipendenti da tutto il mondo".

"All'epoca erano stati segnalati 581 casi e solo 10 casi al di fuori della Cina. Il Comitato di emergenza era diviso al suo interno e non ha consigliato di dichiarare un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale, chiedendo di essere riconvocato dopo 10 giorni o meno per consentire il tempo di raccogliere e considerare più informazioni". Una decisione che è poi arrivata il 30 gennaio", ha concluso Ghebreyesus.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza