cerca CERCA
Mercoledì 22 Settembre 2021
Aggiornato: 19:14
Temi caldi

Coronavirus, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo

10 novembre 2020 | 10.01
LETTURA: 22 minuti

alternate text
Foto Fotogramma

Le news sulla pandemia oggi dall’Italia e dal mondo. I dati sui contagi, le ultime notizie sulle zone rosse, arancioni e gialle dopo il varo del nuovo Dpcm.

ORE 23.16 - "Più che colore giallo, a questo punto temo che ci sia un 'giallo Campania'". Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris intervenuto a "Cartabianca" su Rai 3.

ORE 22.47 - "Escludo che si possa fare un lockdown come quello di marzo e aprile. Ma non escludo che ci possano essere misure ulteriormente restrittive, tra l'altro nel mese di novembre che, come è noto, è un mese che si può prestare a interventi restrittivi. Così come si è intervenuti in Calabria, Piemonte, Lombardia e Valle D'Aosta nei giorni scorsi, ci potrebbero essere interventi in altre Regioni''. Lo ha detto il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, ospite di 'Carta Bianca'.

ORE 22.41 - "Da metà gennaio in poi ci saranno le prime dosi di vaccino" anti Covid. Ad affermarlo Franco Locatelli, il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css) Franco Locatelli, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "Andranno inizialmente e prioritariamente offerte agli operatori sanitari, alle forze dell’ordine e alle fasce più fragili della popolazione", ha aggiunto.

ORE 21.55 - “Lockdown generalizzato dal 15 novembre? Mi auguro di no ma temo di sì”. Sono le parole del professor Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, analizzando il quadro dell’emergenza coronavirus in Italia alla luce dei dati di oggi.

ORE 21.30 - "Dovrebbe esserci un lockdown volontario. Io mi sono messa in lockdown da quando sono rientrata dall’Italia". Sono le parole della professoressa Ilaria Capua, direttrice dell'UF One Health Center, che a DiMartedì commenta il quadro relativo all'emergenza coronavirus in Italia, sulla base delle ultime notizie che segnalano oltre 35mila casi e 580 morti oggi. "I numeri parlano chiaro, adesso grandina e bisogna stare protetti. Siamo arrivati al punto in cui non possiamo più permetterci distrazioni", dice.

ORE 20.35 - "La vera sfida è come evitare la terza ondata" di Covid-19. "E se si continua su questa strada, temo sarà inevitabile". E' il monito di Andrea Crisanti, docente di microbiologia all'università di Padova e direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova, che è stato sentito oggi in videocollegamento per un'audizione informale alla Commissione Affari sociali della Camera. Per Crisanti non si sarebbe fatto abbastanza nei mesi estivi. "Io penso che siamo in questa situazione perché da giugno a oggi non abbiamo fatto nulla o abbiamo fatto molto poco".

ORE 20.32 - Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca fa sapere che, "sulla linea di rigore sempre seguita dalla Regione", solleciterà "nelle prossime ore e nei prossimi giorni i Ministeri dell’Interno e della Salute ad assumere provvedimenti rigorosi per il rispetto delle regole e per il contrasto all'epidemia".

ORE 20.19 - ''Sto molto meglio. Per fortuna, un poco alla volta i postumi del Covid stanno andando via. Devo dire che è stata una delle più sofferte esperienze della mia vita''. Lo ha detto Silvio Berlusconi, in collegamento telefonico con 'Di Martedì', la trasmissione di Giovanni Floris, parlando della sua convalescenza dopo la positività al Covid. ''I primi tre giorni - rivela il Cav - sono stati difficilissimi da superare. Francamente non credevo di farcela...''.

ORE 20.08 - Balzo dei decessi legati alla pandemia di Covid nel Regno Unito, dove nelle ultime 24 ore si sono registrate 532 vittime, il dato più alto dalla scorsa metà di maggio. Ieri i decessi annunciati dal governo erano stati 194. Il bilancio nel Regno Unito dall'inizio dell'emergenza sanitaria sale così a 49.770 morti.

0RE 19.50 - Sono 472 i morti legati alla pandemia di coronavirus registrati in Francia nelle ultime 24 ore. Lo hanno comunicato le autorità sanitarie francesi, secondo quanto riferito dall'emittente 'Bfmtv'. Rispetto a ieri in Francia si contano anche 3.168 nuovi ricoveri.

ORE 18.41 - "I dati di oggi sono cruciali, non tanto per il numero dei positivi, quanto per i 580 decessi e i quasi 3mila pazienti ricoverati in terapia intensiva. Sono numeri importanti che preoccupano e stanno ad indicare una seconda ondata di Sars-Cov-2 aggressiva e con alta letalità per una fascia fragile e anziana della popolazione". Lo afferma all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma, commentando i dati del report del ministero della Salute.

ORE 18.16 - "I contagi tra gli infermieri e il personale medico sono in crescita costante. Se il trend prosegue in questo modo, tra qualche mese gli ospedali saranno carenti di personale e molti reparti dovranno chiudere. Temiamo una 'Caporetto sanitaria'". A lanciare l’allarme è il sindacato degli infermieri italiani Nursing up. "Le proiezioni fatte dal nostro staff di monitoraggio e controllo - spiega Antonio De Palma, presidente Nursing up - ci dicono che a dicembre c’è un rischio concreto per la tenuta complessiva del sistema sanitario italiano. E al sud la situazione rischia di diventare esplosiva".

ORE 18.05 - "Il governo degli Stati Uniti prevede di iniziare a vaccinare gli americani a dicembre" se l'azienda farmaceutica Pfizer presenterà la richiesta di autorizzazione d'emergenza per il suo vaccino anti-Covid alle autorità di regolamentazione sanitaria degli Stati Uniti nei tempi rapidi previsti. Lo ha annunciato il ministro Usa della Salute, Alex Azar, in un'intervista al Today Show.

ORE 18.03 - Emilia Romagna, Campania, Veneto e Friuli Venezia Giulia sono entrate in scenario 4. Sarebbero queste, dunque, le 4 Regioni per cui dovrebbero essere anticipare misure più restrittive, a cui si è riferito il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, in conferenza stampa questa mattina al ministero della Salute.

ORE 17.55 - Sono 10.955 i nuovi casi di coronavirus segnalati oggi in Lombardia secondo il bollettino. Si tratta di circa un terzo dei 35mila nuovi casi a livello nazionale. Nella regione sono stati registrati 129 morti da ieri. Il totale dei decessi dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia è 18.571.

ORE 17.47 - Sono 35.098 i nuovi casi di coronavirus in Italia resi noti oggi, secondo il bollettino del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 580 morti, che portano il totale a 42.330 dall'inizio dell'emergenza legata al coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 217.758 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.971, con un incremento di 122 unità.

ORE 17.44 - Crescono i morti oggi nel Lazio di Coronavirus. L'ultimo bollettino della Regione riporta 36 vittime da ieri e 2608 contagi.

ORE 17.31 - Documentata nei Paesi Bassi la trasmissione del coronavirus Sars-CoV-2 da uomo a visone e da visone a uomo. La prova arriva da uno studio pubblicato su 'Science' da un team di ricercatori che hanno sequenziato il genoma virale dei focolai di Covid-19 registrati in 16 allevamenti olandesi di visoni. Il virus sarebbe stato introdotto dall'uomo per poi evolversi, spiegano Bas B. Oude Munnink e colleghi dell'Erasmus University Medical Center di Rotterdam.

ORE 17.29 - I dati parlano chiaro: da marzo a maggio 2020 la pressione da Covid-19 sul Servizio sanitario nazionale ha pesato in modo preoccupante sulla prevenzione del cancro colorettale, con un calo del 54,9% nello screening preventivo (585.287 esami in meno) e un ritardo medio di 3 mesi nella diagnosi. E ancora: 645 tumori non diagnosticati e 3.890 polipi non asportati. Il risultato? Il protrarsi del blocco degli screening per tempi superiori ai 6 mesi porterebbe a un aumento del 3% dei casi avanzati e per blocchi superiori ai 12 mesi la mortalità a 5 anni aumenterebbe del 12%. A lanciare il grido d'allarme è la Federazione italiana delle società di malattie dell'apparato digerente (Fismad).

ORE 17.26 - In Puglia sono stati registrati oggi 1.245 casi positivi. Venticinque i decessi.

ORE 17.25 - Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’ultimo bollettino dell'Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 6 verificatisi oggi, e 3659 i nuovi casi di coronavirus nella Regione.

ORE 17.19 - La Procura di Cagliari ha aperto un’inchiesta sulla decisione di non chiudere le discoteche all’aperto, lo scorso agosto in Sardegna, dopo il lungo servizio andato in onda ieri sera durante la trasmissione di RaiTre ‘Report’.

ORE 17.10 - Sono 2.716 i nuovi casi di coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania dall'analisi di 14.290 tamponi, secondo l'ultimo bollettino di oggi. Dei 2.716 nuovi positivi (il 19% dei tamponi complessivamente esaminati), 412 sono risultati sintomatici e 2.304 sono asintomatici. Il totale dei casi di coronavirus in Campania dall'inizio dell'emergenza è 92.755

ORE 17.07 - La questione Campania è all'ordine del giorno per il ministero della Salute. I tecnici del dicastero guidato da Roberto Speranza sono in trasferta in Campania per l'analisi e la verifica dei dati registrati nell'ultima settimana dalla Regione. E' quanto apprende l'Adnkronos Salute. Il nodo è quello del possibile passaggio della regione guidata da Vincenzo De Luca da una zona di rischio più basso, ora è in fascia 'gialla' ad una di rischio più alto, 'arancione'. Contemporaneamente Speranza è in costante contatto telefonico con De Luca, come del resto con tutti i governatori.

ORE 16.59 - Ancora 11 morti in Sardegna per il Covid-19 e 489 nuovi casi oggi secondo l'ultimo bollettino, il massimo raggiunto finora. Le vittime, tra i 66 e 91 anni, sono cinque residenti della Città Metropolitana di Cagliari, tre del nord Sardegna, due della provincia di Oristano e una del Sud Sardegna. I tamponi in più eseguiti sono 3.377, 403 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale (-5), 51 (-7) in terapia intensiva. Dei 13.077 casi positivi complessivamente accertati, 2.648 (+101) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 2.196 (+96) nel Sud Sardegna, 1.105 (+38) a Oristano, 1.657 (+154) a Nuoro, 5.471 (+100) a Sassari.

ORE 16.55 - "Serve chiudere il Paese adesso. Con un lockdown generalizzato. Fare abbassare la curva dei contagi, avvicinandoci alla possibilità di un vaccino anti-Covid in una condizione migliore. E' la scelta più razionale per prepararsi, si spera, ad una vaccinazione di massa in condizioni migliore dal punto di vista dell'andamento epidemico". Lo spiega all'Adnkronos salute Silvestro Scotti, segretario nazionale dei medici di medicina generale (Fimmg).

ORE 16.47 - Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati secondo il bollettino di oggi 21 morti e 75.855 casi di positività, cioè 2.430 in più rispetto a ieri, su un totale di 22.539 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Questo dato comprende i 100 casi riferiti a ieri e relativi a Ferrara, non contabilizzati a causa di un problema al sistema informatico (come riportato nel bollettino di ieri). La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 10,8%, in netto calo rispetto a ieri (16,2%).

16.46 - "Domani la Commissione europea autorizzerà un contratto per fino a 300 mln di dosi del vaccino di Biontech e di Pfizer" contro la Covid-19, "il più promettente finora". Lo annuncia la presidente Ursula von der Leyen, via social network, confermando la previsione del responsabile Salute del Ppe nel Parlamento Europeo Peter Liese, che stamani ha detto che il contratto sarebbe arrivato "molto presto, domani o dopodomani". Quello con Pfizer e BionTech è "il quarto contratto" di preacquisto dopo quelli siglati con AstraZeneca, Sanofi-Gsk e Johnson & Johnson e "altri seguiranno", conclude von der Leyen.

ORE 16.09 - "Oltre alla buona notizia relativa al vaccino Pfizer, sicuramente interessante è l'approccio degli anticorpi monoclonali: lo vedo come uno sviluppo della plasmaterapia, storicamente usata, ma ancor più strutturata ed efficace attraverso una industrializzazione su grandi numeri. Un approccio che, insieme al vaccino, ci permetterà un approccio a tenaglia contro Covid". E' il commento all'Adnkronos Salute del virologo dell'Università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, al via libera della Fda (Food and Drug Administration) americana all'uso di emergenza dell'anticorpo monoclonale Lilly.

ORE 16.02 - Sono complessivamente 15888 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 746 nuovi casi (di età compresa tra 10 mesi e 101 anni). Dei nuovi casi, 449 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 91, di cui 26 in provincia dell'Aquila, 16 in provincia di Pescara, 23 in provincia di Chieti, 26 in provincia di Teramo. Lo comunica l'Assessorato regionale alla Sanità.

ORE 15.30 - "Stasera videoconferenza con i sindaci dei capoluoghi e i presidenti di Provincia. Stiamo valutando nuove misure per evitare assembramenti. Ho sentito anche Zaia e Fedriga, le cui Regioni sono in fascia gialla come l’Er. L'obiettivo è fermare contagio e invertire curva pandemica". Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, sui social. Bonaccini ribadisce il concetto anche sulla sua pagina facebook, in un post spiega che ha sentito anche "il ministro Speranza, per arrivare a ordinanze regionali il più̀ possibile concordate, forse già̀ domani" contro gli assembramenti "che si continuano a vedere nelle città̀ e non solo, basti pensare all'ultimo fine settimana".

RE 15:20 - Sono 482 i nuovi contagi di coronavirus resi noti oggi in Friuli Venezia Giulia secondo il bollettino su 6.438 tamponi eseguiti. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 20 morti. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, che ha diffuso le ultime notizie sull'emergenza. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 15.530, di cui: 4.669 a Trieste, 6.180 a Udine, 2.855 a Pordenone e 1.637 a Gorizia, alle quali si aggiungono 189 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione sono 7.950. Salgono a 47 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 336 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 476, con la seguente suddivisione territoriale: 236 a Trieste, 120 a Udine, 107 a Pordenone e 13 a Gorizia. I totalmente guariti sono 7.104, i clinicamente guariti 109 e le persone in isolamento 7.458.

ORE 15.15 - "Stiamo attualmente combattendo con una pandemia storica, la più feroce mai vista in 102 anni, dopo la Spagnola". A farlo notare parlando del coronavirus Sars-CoV-2 che tiene sotto scacco il mondo è Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Disease, ente degli statunitensi National Institutes of Health (Nih), e capo della task-force anti-Covid in Usa, ospite d'onore oggi di 'I love scienza', una maratona di 7 ore in streaming, evento promosso dalla Fondazione De Sanctis nella Giornata mondiale della scienza voluta dall'Unesco.

ORE 14.16 - Un milione e 400mila screening oncologici saltati, con il rischio di dover attendere 8 mesi per una diagnosi di cancro. Torna a puntare i riflettori sulle difficoltà di chi soffre di malattie diverse dall'infezione da Sars-CoV-2 Rosaria Iardino, presidente della Fondazione The Bridge. "Occorre ricordare - afferma - che esistono persone che hanno patologie non Covid che sembrano sparite dal radar del ministero della Salute e dalle Regioni. I bollettini Covid sono quotidiani - rileva Iardino - mentre nessuno più vuole occuparsi di tutti gli altri malati".

ORE 14.02 - "Stamani siamo a 2.223 contagiati, rispetto a dieci giorni fa, quando eravamo arrivati a una punta di 2.700. Non dico siano segnali di miglioramento, è troppo poco per poterlo dire, ma indubbiamente i provvedimenti restrittivi a poco a poco segnali ne danno". Così a Sky Tg24 il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.

ORE 13.55 - Sono drammatici i dati di oggi in Veneto dell'epidemia di Covid, con 48 morti nelle ultime 24 ore per un totale di 2.643 decessi dal 21 febbraio scorso. Continuano a salire anche i nuovi positivi, 2.763 nelle ultime 24 ore per un dato complessivo di 84.255. Negli ospedali sono ricoverati 1700 pazienti Covid, , 116 in più da ieri, mentre nelle terapie intensive si è saliti a 210 ricoverati, 7 in più da ieri.

ORE 13.54 - "L'area gialla non è un gioco a premi, non è una classifica dei primi della classe e degli ultimi e non è scritta sul marmo". Così il presidente del Veneto Luca Zaia oggi, nel corso del punto stampa, ha commentato la conferma della regione nell'area con moderata criticità. "E, dobbiamo meritarci questa area gialla che se non funziona ci potrebbe far precipitare nell'area rossa e nel lockdown", ha ammonito tornando a fare un appello accorato ai veneti: "Evitiamo rimpatriate e riunioni con amici e colleghi occorre un sacrificio collettivo da parte di tutti. Dateci una mano - ha sottolineato rivolgendosi direttamente ai veneti- oppure, oltre un certo limite negli ospedali non possiamo andare". "Il motto potrebbe essere 'uno spritz in meno per evitare il lockdown'", ha sottolineato il presidente della regione. E ancora, il governatore del Veneto ha spiegato: "A livello ospedaliero possiamo gestire questa emergenza se i cittadini ci danno una mano".

ORE 13.25 - Negli ospedali italiani travolti dalla seconda ondata di Covid-19 "la situazione è drammatica. C'è un sovraccarico di richieste di prestazioni, principalmente a livello dei servizi di emergenza e di pronto soccorso" dove ci sono malati "che stiamo ventilando addirittura nei corridoi o negli ambulatori dedicati alle visite", e dove spesso mancano gli spazi costringendo il poco personale a "visitare all'interno delle ambulanze" o "all'interno delle automobili. Addirittura gli mettiamo le bombole di ossigeno fuori col tubicino che passa dal finestrino". E' il quadro descritto da Salvatore Manca, presidente Simeu (Società italiana della medicina di emergenza-urgenza), ospite del programma 'L'imprenditore e gli altri' su Cusano Italia Tv.

ORE 13.17 - "Mi ha chiamato il Capo dello Stato per chiedere informazioni su come sta andando. Ho ringraziato per l'interesse, ho parlato lungamente della situazione, la preoccupazione che i comportamenti di pochi inficiano la situazione di molti". Lo ha riferito oggi ai giornalisti il presidente del Veneto Luca Zaia.

ORE 12.50 - Entra in vigore oggi a Giugliano in Campania (Napoli) l'ordinanza firmata ieri dal neo sindaco Nicola Pirozzi per diminuire la mobilità a rischio e gli assembramenti. L'ordinanza, spiega Pirozzi, è stata decisa alla luce del fatto che "negli ultimi giorni la curva epidemiologica ha fatto toccare un forte picco di ascesa" e che "gli ospedali sono in grande sofferenza perché ormai totalmente saturi e il personale medico ed infermieristico è piegato da turni massacranti".

ORE 12.45 - Nella guerra a Covid-19 "non ce la caveremo mai da soli, ma ce la faremo soltanto uniti", mettendo alla "base del nostro stare insieme il linguaggio comune della scienza" come vero antidoto "al negazionismo e al terrapiattismo: la manifestazione deteriore" di un gap di cultura scientifica che "la nostra società non può più permettersi di ignorare". E' il senso del messaggio lanciato da Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), intervenuto all'evento 'I love scienza' organizzato dalla Fondazione De Sanctis e curato dall'ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in occasione della Giornata mondiale della scienza promossa dall'Unesco.

ORE 12.30 - É stata inviata, ieri, ai prefetti la circolare del capo di gabinetto del ministero dell’Interno Bruno Frattasi per intervenire in modo efficace e tempestivo sulla prevenzione degli assembramenti, a seguito dell’elevato numero registrato sul territorio nazionale nell’ultimo fine settimana e delle preoccupanti percentuali di inosservanza dell’obbligo di utilizzo delle mascherine. Lo rende noto il Viminale, che chiede di convocare in via d'urgenza i Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica al fine di programmare controlli più serrati e concordare con i sindaci l’utilizzo degli strumenti per il contenimento del fenomeno, in vista dei prossimi weekend.

ORE 12.15 - "Ho avuto il Covid ma ora sto bene e al lavoro. Vorrei ringraziare il personale della Polizia Sanitaria e il personale medico del Celio per la professionalità, la disponibilità e la vicinanza che mi hanno mostrato. Al lavoro giorno e notte a processare tamponi. Grazie per tutto ciò che state facendo. E grazie a tutti gli operatori sanitari d’Italia che sono in prima linea nella cura delle persone in condizioni critiche". Così il sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia, del M5S, in un lungo post su Facebook in cui si racconta e raccomanda di limitare i contatti, anche in famiglia.

ORE 12.11 - "Ormai è verosimile un altro lockdown esteso. Dopo toccherà riprendere e lo dovremmo poter fare senza ricadere nei problemi che abbiamo vissuto. Tra le ricadute possibili, che non riguardano la malattia da coronavirus, una che non ci possiamo permettere è il depotenziamento della ricerca, altrimenti pagheremo un prezzo altissimo". Lo ha affermato Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco-università Statale di Milano, ospite dell'evento online 'I love scienza: una maratona della scienza' organizzato dalla Fondazione De Sanctis in occasione della Giornata mondiale della scienza promossa dall’Unesco.

ORE 11.45 - Scoperta una correlazione tra la presenza di una variante genetica e una maggior predisposizione sia all’infezione da Sars-CoV-2 che a una sua evoluzione clinica negativa. E' quanto ha stabilito un studio, pubblicato su 'Transplantation', realizzato dal Centro nazionale trapianti (Cnt) e dalla Rete trapianti del Servizio. Secondo lo studio poi nei pazienti trapiantati e immunosoppressi e in quelli in attesa di trapianto per grave insufficienza d’organo il rischio di infezione è circa 4 volte superiore rispetto al resto della popolazione.

ORE 11.30 - "A Napoli c'è un estremo disagio dei medici, con lo spettro dell'implosione del sistema. Dunque non posso che concordare nel chiedere misure più restrittive: a Napoli serve una zona rossa per almeno due settimane". A dirlo all'Adnkronos Salute è il presidente della Federazione degli Ordini dei medici, Filippo Anelli, che nei giorni scorsi aveva invocato il lockdown in tutta Italia, e oggi condivide l'allarme della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) della provincia campana, che ha segnalato da settembre "6 colleghi deceduti per Covid, oltre 20 contagiati e due appena dimessi dall'ospedale".

ORE 11.20 - Dopo il via libera della Food and Drug Administration all'uso degli anticorpi monoclonali per la cura del covid 19, Lilly prevede di produrre "fino a un milione di dosi di bamlanivimab 700 mg entro la fine del 2020, da utilizzare in tutto il mondo".

ORE 11.15 - La Russia ha segnalato oggi 20.977 nuovi casi di coronavirus e 368 morti nelle ultime 24 ore, rispetto ai 21.978 contagi e 256 decessi del giorno precedente.

ORE 11.00 - In Germania nelle ultime 24 ore sono stati registrati 15.332 nuovi casi di coronavirus e 154 morti, in deciso aumento rispetto ai 13.363 contagi e ai 62 decessi registrati il giorno prima. Lo ha reso noto l'Istituto Robert Koch, secondo cui sale così a 687.200 il numero delle persone contagiate in Germania e a 11.506 il numero delle vittime.

ORE 10.45 - E' morto Saeb Erekat. Lo ha confermato Fatah. Il segretario generale dell'Olp, 65 anni, aveva lamentato a metà ottobre in Cisgiordania i primi sintomi di contagio da coronavirus ed era stato trasferito in un ospedale di Gerusalemme.

ORE 10.30 - "In un panorama più che confuso di annunci su vaccini che funzionano e che poi cadono nell'oblio e di promesse che fanno bene solo alla Borsa e non alla salute dell'uomo, si ha finalmente un concreto raggio di luce: gli anticorpi monoclonali della Eli Lilly approvati dalla Fda. E' la prima terapia mirata per Covid-19, che ci fa ben sperare nel curare i pazienti affetti da questa malattia". Lo afferma la microbiologa dell'ospedale Sacco di Milano Maria Rita Gismondo, parlando all'Adnkronos Salute dopo il via libera dell'Agenzia del farmaco statunitense.

ORE 10.20 - "Tutta l'Italia sta scivolando verso la zona rossa. Non siamo stati messi nelle condizioni per resistere al virus. Gli ospedali sono al limite della capacità di accoglienza. Il mio timore è che tra pochi giorni si arriverà al lockdown, il governo dovrà rivalutare la situazione in tutta Italia”. Lo ha affermato Marco Marsilio, presidente della regione Abruzzo, a “The Breakfast Club” su Radio Capital.

ORE 10.15 - L'alternativa al lockdown era possibile, ma "il governo l’ha ignorata". In un documento inviato il 29 marzo al presidente del consiglio Conte e al ministro della Salute Speranza, un gruppo di ricercatori italiani del Cnr, dell’ Ifn, l’Istituto di fisica nucleare, dell’Università di Camerino e di Ricmass, il Rome Internationale Center for materials scienze, aveva delineato un sistema alternativo al lockdown nel contenimento della diffusione del virus, il 'Case finding and mobile tracing' (CFMT). Il gruppo di scienziati ha valutato, studiando quantitativamente l'evoluzione temporale dei casi di Covid-19 in diversi Paesi, che l'epidemia si sarebbe potuta fermare in Italia in tempi dell'ordine di 20 giorni facendo molti test veloci, usando tecnologie di tracciamento dei contatti basata su cellulare, e isolando anche dalla loro famiglia le persone contagiose.

ORE 9.50 - In ospedale in tempi di covid non si può più entrare per le visite. Ma Stefano, 81 anni, alpino di Castel San Giovanni in provincia di Piacenza, a lasciare sua moglie Carla senza un po' di conforto non ci sta. E così armato di fisarmonica e sgabello domenica ha suonato per un'ora sotto le finestre dell'ospedale dove lei è ricoverata facendole sentire, anche a distanza, la sua vicinanza. Il video della serenata è diventato virale sui social commuovendo tutti. (GUARDA)

ORE 9.30 - Grande preoccupazione tra i medici di famiglia di Napoli e provincia che registrano ben 6 colleghi deceduti per Covid da settembre, oltre 20 contagiati e due appena dimessi dall'ospedale. "Una quadro in rapida evoluzione. E parliamo di numeri limitati alla sola provincia di Napoli. Ho avuto solo ieri 4 segnalazioni d nuovi contagi e, questa mattina, un caso sospetto di un collega con febbre. La situazione è davvero difficile", spiega all'Adnkronos Salute Luigi Sparano, segretario provinciale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) della provincia campana.

ORE 9.15 - "Credo che il lockdown generalizzato per i prossimi mesi sia difficilmente sostenibile. Bisogna cercare una soluzione più flessibile, perché ci troviamo davanti a una maratona da correre". Lo ha detto Luca Richeldi, direttore dell'unità di Pneumologia del Policlinico Gemelli Irccs di Roma e componente del Comitato tecnico-scientifico (Cts) sull'emergenza coronavirus, ospite di 'Agorà' su RaiTre. "Le previsioni di questo aumento di contagi potrebbe arrivare in alcune Regioni a far collassare il sistema sanitario", avverte Richeldi. "Le misure che vengono prese sono mirate a scongiurare questo scenario".

ORE 9.00 - Aumentano i controlli, soprattutto nelle zone rosse e arancioni (cioè, a questo punto in più della metà del territorio nazionale) sul rispetto delle restrizioni che riguardano la mobilità dei cittadini imposte dal Dpcm anti-Covid. Tra le possibili violazioni soggette a sanzione, quella relativa all’uso della mascherina in auto.

ORE 8.45 - Via libera della Food and Drug Administration (Fda) americana all'uso di emergenza dell'anticorpo monoclonale Eli Lilly per il trattamento anti-Covid-19, destinato alla cura di infezioni di lieve o moderata entità ma a rischio di malattia severa, in pazienti adulti o bambini sopra i 12 anni. Si tratta, precisa il 'Washington Post', del primo trattamento a base di anticorpi monoclonali autorizzato per l'uso sui pazienti.

ORE 8.20 - "Con profonda tristezza l’Unicef Italia saluta l’amato presidente Francesco Samengo che si è spento ieri sera a Roma dopo una dura battaglia contro il virus Covid-19". E' quanto annunciato da Unicef Italia in un comunicato. "È stato per tutti una guida sicura, un esempio di abnegazione e instancabile costanza, uno sprone a dare sempre il meglio di noi nel perseguire la causa dei diritti dei bambini in Italia e nel mondo. Francesco Samengo, presidente dell’Unicef Italia dal 2018, negli ultimi giorni aveva contratto il virus Covid-19 ed era ricoverato presso l’ospedale Spallanzani a Roma", si legge ancora nella nota.

ORE 7.50 - Le autorità sanitarie brasiliane hanno annunciato la sospensione dei test clinici di un candidato vaccino contro il coronavirus del laboratorio cinese Sinovac Biotech dopo "un incidente grave" su un volontario. Non sono stati forniti ulteriori dettagli, ma è stato precisato che questo tipo di "incidente" potrebbe provocare effetti collaterali potenzialmente fatali, invalidità grave, ricovero in ospedale e altri "eventi clinicamente significativi".

ORE 7.30 - La conferma della zona gialla, il passaggio alla zona arancione o il doppio salto alla zona rossa. Sono le tre opzioni per la Campania in relazione al rischio legato all'emergenza Coronavirus. Dopo i provvedimenti adottati ieri dal ministro Roberto Speranza, che ha deciso il passaggio a partire da domani di cinque regioni (Abruzzo, Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana) nella zona arancione, la giornata di oggi sarà interamente dedicata alla situazione della regione governata da Vincenzo De Luca, oggetto di un'ulteriore verifica sui dati epidemiologici.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza