cerca CERCA
Giovedì 04 Marzo 2021
Aggiornato: 09:22
Temi caldi

Coronavirus, Villani: "Nessun motivo per portare neonati fuori in carrozzina"

01 aprile 2020 | 18.56
LETTURA: 2 minuti

Il presidente della Società italiana di pediatria chiarisce: "La circolare del Viminale non cambia le strategie e le indicazioni in atto". E conferma: "In Italia non ci sono decessi tra i bambini né bambini in condizioni gravi"

alternate text
Roma, 1 apr (Adnkronos Salute)

"Non c'è alcun motivo di portare un neonato a fare una passeggiata fuori con la carrozzina". Così Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip) e membro del comitato tecnico scientifico per l'emergenza coronavirus, spiega il senso delle indicazioni date per le passeggiate con i bambini, oggetto di una circolare del ministero dell'Interno.

La circolare del Viminale che autorizza genitori e bimbi a fare due passi intorno a casa, ha chiarito Villani, "va letta, e lì è indicato che si fa riferimento alle limitazioni vigenti. Non cambiano le strategie e indicazioni in atto. Stiamo affrontando una situazione complessa e assolutamente non cambia nulla".

Esiste un Dpcm che "indica che non è consentito fare assembramenti, e non è consentito uscire di casa se non per una motivata ragione. Come Sip - ricorda - diamo una serie di indicazioni per organizzare la giornata dei bambini". L'esperto, componente del Comitato tecnico scientifico (Cts), ha poi assicurato che "il Cts non ha liberato nessuna nuova indicazione, se invece si inizia a ragionare in termini di ciò che possa accadere dopo, è giusto ascoltare segnalazioni e indicazioni che ci vengono da associazioni di famiglie e malati per farne tesoro e prepararci. Con il ministro della Famiglia, e il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa, abbiamo rappresentato al ministro della Salute queste istanze per una progettualità nel tempo che ne tenga conto".

"In Italia - ha sottolineato Villani - resta confermato che non ci sono decessi né bambini in condizioni gravi", così come è confermato "il dato per cui quando e se un bambino contrae il coronavirus per fortuna ad oggi si tratta di situazioni cliniche gestibili lievi. Abbiamo anche casi di neonati ma anche in questo caso - ha ricordato il pediatra - sono tutte situazioni estremamente tranquille, e ciò è un dato estremamente confortante".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza