cerca CERCA
Martedì 27 Luglio 2021
Aggiornato: 12:15
Temi caldi

Coronavirus, Zaia: "Oggi è un po' liberi tutti"

04 maggio 2020 | 15.21
LETTURA: 2 minuti

Il governatore del Veneto: "Chiunque può uscire di casa per le motivazioni più variegate" e "in questi 10 giorni in gioco c'è il futuro"

alternate text
(Fotogramma)

"Ufficialmente oggi finisce quel poco di lockdown che c'era. I cittadini escono di casa: le motivazioni sono tante, talmente variegate che chiunque può farlo. Il che, di fatto, vuol dire veramente liberi tutti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, spiegando che "il lockdown era già mezzo finito il 10 aprile quando il governo ha deciso di aprire con i codici Ateco, le deroghe e le eventuali silenzi assensi. Oggi il lockdown è finito, restano chiuse solo alcune categorie e attività".

Zaia sottolinea che "1,2 milioni di veneti sono tornati al lavoro e lo dimostra l'aumento importante del traffico: oggi sull'autostrada Padova-Brescia rispetto a lunedì scorso la crescita è stata del 32%; sulle autostrade venete gestite dalla CaV il traffico è aumentato del 35%; mentre sui mezzi dell'Actv di Venezia la crescita è stata del 15%. Quindi - ha sottlineato il governatore - è necessaria una sorveglianza estrema, grande prudenza e rispetto delle regole, e prima di tutto dell'uso della mascherina, perché se ci fosse una recrudescenza e un aumento dei ricoveri e delle terapie intensive non possiamo che ricorrere a nuove misure restrittive".

"Una persona è stata picchiata stamattina a Venezia. Ha visto delle persone, ne ha invitata una a indossare la mascherina e lo hanno legnato. E' andato al pronto soccorso... capite che non può funzionare così, dobbiamo essere comunità", ha riferito Zaia ribadendo con forza la necessità di "indossare la mascherina, un presidio per sé e per gli altri".

"Il trend in Veneto è in calo. Ma in questi 10 giorni in gioco per il Veneto c'è il futuro". "Il monitoraggio dei dati sul contagio, sui ricoveri e sulle terapie intensive è serrato e se la curva tornerà a salire il rischio è quello di dover procedere con nuove misure restrittive, vanificando lo sforzo dei cittadini fino ad oggi". Quindi, è tornato a ribadire Zaia, "sarà fondamentale l'uso dei dispositivi di protezione, le mascherine sopra ogni altro, e il distanziamento sociale". Zaia poi ha annunciato per oggi pomeriggio "una nuova ordinanza per precisare alcuni argomenti della precedente e che riguarderà tre le altre alcune attività motorie e sportive che potranno farsi in coppia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza