cerca CERCA
Mercoledì 04 Agosto 2021
Aggiornato: 12:40
Temi caldi

La sfida

Coronavirus, Zuckerberg e l'allarme su Whatsapp

23 marzo 2020 | 20.16
LETTURA: 3 minuti

Il fondatore e proprietario di Facebook: "Traffico più che raddoppiato in Italia, sistemi a rischio"

alternate text
(Foto Fotogramma)

Il traffico di chiamate e messaggi su Whatsapp e Messenger è più che raddoppiato in Italia, e negli altri paesi maggiormente colpiti dall'epidemia di coronavirus, ha reso noto il fondatore e proprietario di Facebook (che ha acquisito le due società, ndr), Mark Zuckerberg, in una conferenza telefonica con un gruppo ristretto di giornalisti alcuni giorni fa. Facebook ha già raddoppiato di conseguenza la capacità dei suoi server, ma potrebbe non bastare a contenere il flusso di comunicazioni. 

"Non siamo ancora di fronte a una epidemia massiccia nella maggioranza dei paesi del mondo. Ma se si arrivasse a questo, dobbiamo attrezzare le nostre infrastrutture per riuscire a sostenere il picco di traffico, per essere sicuri che non vadano in tilt", ha affermato.  In Italia il traffico su Whatsapp è "ben oltre il picco che di solito si raggiunge a Capodanno e lo è in modo sostenuto nel tempo".

"La sfida è ora riuscire a sostenere questo andamento", ha aggiunto. I tecnici che si occupano dei server e della sicurezza continuano a recarsi al lavoro tutti i giorni, perché sono "in prima linea" nella gestione di questa emergenza. Al resto dei dipendenti Fb ha invece chiesto di lavorare da casa. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza