cerca CERCA
Lunedì 21 Giugno 2021
Aggiornato: 08:56
Temi caldi

Corruzione: incontro Renzi-Lupi-Alfano a P.Chigi

19 marzo 2015 | 14.37
LETTURA: 3 minuti

Il Movimento 5 Stelle chiede le dimissioni. Salvini: "deciderà secondo coscienza". Per il ministro Boschi "il governo ha mostrato ampia disponibilità a chiarire". L'informativa del ministro per le Infrastrutture sull'inchiesta Grandi Opere, domani alle 11 alla Camera

alternate text
(Infophoto)

Terminato l'incontro a Palazzo Chigi tra il premier Matteo Renzi e i ministri Angelino Alfano e Maurizio Lupi si diffondono le voci sulla sfiducia. Se il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, parlando con i giornalisti a Montecitorio, ha detto che "il governo ha mostrato ampia disponibilità a chiarire, prima con il question time, ora con l'informativa del ministro Lupi, che riferirà in Parlamento, la sede preposta a questa discussione", il capogruppo di Sel Arturo Scotto è convinto che Maurizio Lupi sia già stato sfiduciato dalla maggioranza di governo.

Una convinzione che Scotto esterna al termine della riunione dei capigruppo, che ha stabilito di calendarizzare l'informativa del ministro per le Infrastrutture sull'inchiesta Grandi Opere , domani alle 11 alla Camera.

"L'informativa del ministro Lupi - ha dichiarato Scotto - richiesta dalle opposizioni che oggi, nel corso della riunione dei capigruppo avevano ritirato la richiesta per accelerare l'esame e la votazione della mozione di sfiducia, è stata invece confermata dalla maggioranza che, in maniera un po' acrobatica, ha deciso lei di chiedere l'informativa. Ci aspettiamo quindi le comunicazioni del ministro. Evidentemente la maggioranza lo ha già sfiduciato".

Il Movimento 5 Stelle chiede le sue dimissioni, rivolgendosi direttamente a Lupi, sul blog di Beppe Grillo. "Secondo noi - sottolinea Carlo Sibilia, membro del direttorio M5S - non è necessario che lei venga ad esporre nessuna informativa in Aula sulle vicende che hanno travolto il ministero che lei rappresenta. L'Aula di Montecitorio non deve essere utilizzata come l'aula di un tribunale. Il mio unico invito - incalza l'esponente M5S - è quello alle dimissioni immediate. Anche in giornata se possibile. Faccia questo gesto e si ritiri a vita privata".

Dura la risposta di Renato Schifani: "Il dato strutturale, politico, è che il ministro Lupi non è indagato. E quindi non c'è ragione perché si dimetta. Dopodiché conteranno molto il clima dell'aula e la posizione del Pd".

Sull'ipotesi di dimissioni interviene anche il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini: "Lupi? Sarà la sua coscienza a farlo decidere. Le dimissioni Renzi le aveva chieste ad altri per molto meno e se non fosse un chiacchierone... ma siamo abituati ad un governo che parla tanto e poi fa poco".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza