cerca CERCA
Mercoledì 30 Novembre 2022
Aggiornato: 21:15
Temi caldi

Corte Conti, in Sicilia l'instabilità politica ha rallentato i programmi per i fondi Ue

03 luglio 2014 | 15.21
LETTURA: 2 minuti

In particolare, la Corte punta i riflettori sul "clima di instabilità politica, cui ha fatto seguito un turn over dei vertici politici di alcuni assessorati e, soprattutto, di quelli amministrativi, con la conseguenza di una discontinuità strategica ed operativa

alternate text

Nella sua relazione annuale per l'udienza di giudizio sul rendiconto della Regione per l'esercizio finanziario 2013, la Corte dei Conti interviene anche sulla gestione da parte della Regione dei fondi europei 2007-2013.

"Se grazie a una costante e stringente attività di monitoraggio procedurale dei Programmi Operativi - scrive la Corte - gli obiettivi di spesa al 31 dicembre 2013 sono stati raggiunti senza incorrere nel disimpegno automatico delle risorse, va osservato che permangono le criticità". In particolare, la Corte punta i riflettori sul "clima di instabilità politica, cui ha fatto seguito un turn over dei vertici politici di alcuni assessorati e, soprattutto, di quelli amministrativi, con la conseguenza di una discontinuità strategica ed operativa che ha finito per rallentare la lineare attuazione dei Programmi".

La Corte rileva come "al 31 dicembre 2013, il Programma Operativo della Regione Siciliana Fondo Sociale Europeo 2007-2013 registra un avanzamento di impegni giuridicamente rilevanti pari a 1595 milioni di euro (il 98% della dotazione finanziaria complessiva di 1632 milioni), una spesa certificata par a 881 milioni (54% del totale del programma) ed una velocità di spesa pari a poco più del 55 per cento delle risorse impegnate".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza