cerca CERCA
Venerdì 06 Agosto 2021
Aggiornato: 00:11
Temi caldi

Cosa rischia la capitana Carola

29 giugno 2019 | 10.01
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Alla fine ha forzato il blocco ed è entrata nel porto di Lampedusa Carola Rackete. Dopo aver trascorso 3 giorni ferma al largo dell'isola, la capitana invocando lo stato di necessità per i 40 migranti a bordo ha attraccato. Arrestata in flagranza di reato per violazione dell’Articolo 1100 del Codice della Navigazione, resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai tre a 10 anni di reclusione, è accusata anche di tentato naufragio della motovedetta della Guardia di Finanza, speronata durante la manovra di attracco.

Rackete non andrà in carcere, almeno per il momento. Ora è agli arresti domiciliari come deciso dalla Procura di Agrigento che coordina l'indagine. Per la Sea Watch, grazie al dl Sicurezza bis, scatteranno il sequestro amministrativo e una sanzione pecuniaria da 20mila euro che, in caso non venisse pagata nei termini, potrà arrivare fino a 50mila euro.

La 31enne tedesca è tra l’altro indagata da ieri per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e rifiuto di obbedienza a nave militare. In un video pubblicato sui social Carola Rackete aveva detto: "Ho deciso di entrare da sola nel porto che di notte è libero".

"Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti", ha commentato il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio parlando dello speronamento da parte della Sea Watch nei confronti della motovedetta della GdF.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza