cerca CERCA
Domenica 24 Ottobre 2021
Aggiornato: 16:14
Temi caldi

Cossiga, Vittime del dovere: "Esplorare rapporti tra politica e terrorismo per verità su stragi"

07 agosto 2020 | 15.17
LETTURA: 2 minuti

Il commento di Piantadosi dopo l’articolo che riporta estratti della corrispondenza tra Francesco Cossiga e numerosi terroristi: "Istituire nuova commissione d’inchiesta che determini la verità dei fatti una volta per tutte"

alternate text
(Fotogramma)

"Occorre a questo punto fare un serio e coerente lavoro di approfondimento, esplorando e accertando l’esistenza di eventuali rapporti tra la politica e il terrorismo degli Anni di Piombo, anche attraverso l’istituzione di una nuova commissione d’inchiesta che determini la verità dei fatti una volta per tutte. Bisogna scrivere la storia contemporanea in maniera oggettiva, non mistificando la realtà, ed inserirla nei programmi scolastici come parte essenziale del percorso per diventare cittadini consapevoli". E' quanto dichiarato dal Presidente dell’Associazione Vittime del Dovere, Emanuela Piantadosi, dopo aver letto "con stupore" l’articolo che riporta estratti della corrispondenza tra Francesco Cossiga e numerosi terroristi.

L’Associazione riunisce invalidi e familiari di appartenenti alle Forze dell’Ordine, Forze Armate e Magistratura caduti nel contrasto alla criminalità comune, mafiosa e terroristica. Ambra Minervini, membro del Consiglio Direttivo e orfana del Magistrato Girolamo Minervini ucciso proprio dalle Br, concorda e dichiara: “Sono passati quaranta anni dall'assassinio di mio padre; la ferita non si è mai rimarginata, ma leggere la corrispondenza tra Cossiga e i brigatisti (non ex brigatisti; sarebbe come dire che mio padre e gli altri caduti sono ex vittime) l'ha riaperta in maniera lacerante. Non posso e non voglio aggiungere commenti e considerazioni; sarebbero inutili. Spero solo che gli organi istituzionali abbiano finalmente il coraggio di fare chiarezza su quegli anni, ricostruendo una corretta verità storica e umana, tributando ai caduti almeno lo stesso rispetto e considerazione che sono stati - e sono tuttora - tributati ai loro assassini”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza