cerca CERCA
Domenica 16 Maggio 2021
Aggiornato: 11:11
Temi caldi

Covid, al Caffè Gambrinus di Napoli sfogliatelle solo da asporto, tornare ad aprire fino alle 22

24 febbraio 2021 | 19.59
LETTURA: 1 minuti

alternate text

Lo storico Gran Caffè Gambrinus di Napoli, punto di riferimento della vita partenopea, ha riaperto da pochi giorni dopo una chiusura durata più di tre mesi ma da domenica, a causa della zona arancione, è costretto a fare servizio solo da asporto. "Abbiamo riaperto da pochi giorni e non vogliamo più chiudere, ma converrebbe stare chiusi vista la situazione. Ora facciamo solo l'asporto". E’ quanto afferma all’Adnkronos Antonio Sergio, titolare del ‘salotto’ napoletano insieme al fratello Arturo e al nipote Massimiliano Rosati.

"Quest’anno abbiamo perso l’80% degli incassi – lamenta il titolare – adesso sto utilizzando solo 5 persone su 45 dipendenti" la maggior parte di questi stanno in cig. "Speriamo di ricominciare a lavorare fra una quindicina di giorni - sostiene - quando dovrebbe finire la zona arancione e di tornare ad una quasi normalità, ma poi servirebbe un’apertura almeno fino alle 22”. Il Caffè Gambrinus mantiene una vetrina ricolma di ogni prelibatezza dolciaria e quando ha aperto ha adottato tutte le misure anticontagio con il distanziamento dei tavolini e la rilevazione della temperatura all'ingresso.

I Sergio dal 1973 sono i 'patron' di questo pezzo di storia napoletana dove dal 1860 a oggi, sono passate teste coronate come la principessa Sissi, i presidenti della Repubblica, intellettuali come Goethe, Oscar Wilde, D'Annunzio, per non parlare di Totò ed Eduardo De Filippo". Tutti personaggi ammaliati dal fascino di gustare una tazzina di caffè o la mitica sfogliatella negli eleganti locali che affacciano su piazza del Plebiscito, piazza Trieste e Trento e via Chiaia, nel cuore di Napoli.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza