cerca CERCA
Venerdì 05 Marzo 2021
Aggiornato: 16:11
Temi caldi

Dalle sparatorie al finto ordine pizza per chiedere aiuto, le voci del 112

06 dicembre 2020 | 14.02
LETTURA: 1 minuti

"Pronto, posso chiedere una pizza?". A parlare all'operatore della Sala Operativa del 112 di Roma è una donna: trema, è in evidente difficoltà e finge di chiamare la pizzeria. Dall'altra parte della cornetta il centralinista, addestrato a situazioni di questo tipo, non riaggancia e geolocalizza la telefonata facendosi confermare semplicemente se si tratti o meno di Roma. La donna risponde con un "Sì, patate e salsiccia" e in pochi secondi l'intervento viene passato alle forze dell'ordine. E' una delle tanti voci disperate, in lacrime, terrorizzate, impanicate, confuse che arrivano ogni giorno al Numero Unico di Emergenza. Tantissimi gli stralci di telefonate con le quali l'Adnkronos è in grado di documentare l'estrema varietà di situazioni segnalate al 112 e poi filtrate alla Centrale operativa di secondo livello a cui compete l'intervento (Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco ed Emergenza Sanitaria). E poi la donna che chiama per segnalare i maltrattamenti subiti dalla sua vicina di casa e dalla sua bambina da parte del compagno, la guardia giurata che chiede l'intervento di una pattuglia per un assalto subito al proprio furgone portavalori al culmine di una sparatoria. E ancora l'uomo che segnala una ragazza in bilico sul cornicione di un palazzo nel quartiere Prati, decisa a farla finita. (di Silvia Mancinelli)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza