cerca CERCA
Mercoledì 27 Gennaio 2021
Aggiornato: 01:02

Covid, Crisanti: "Parlare di sci con 600 morti? Non è un Paese normale"

01 dicembre 2020 | 09.45
LETTURA: 1 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)
Milano, 1 dic. (Adnkronos Salute)

"Rimango senza parole che si parli di sci con 600 morti al giorno. Andare a sciare per divertirsi sapendo che questo causerà un aumento dei contagi e dei morti? Penso che questo non sia un Paese normale". Lo ha dichiarato a 'Buongiorno', su Sky Tg24, il virologo Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia dell'università di Padova.

"Il problema non è l'impianto da sci, se sanifico le cabine o i sedili delle seggiovie - ha precisato - Il problema è l'assembramento che si crea prima e dopo, la socialità che c'è, gli alberghi pieni".

Riguardo al rischio che gli italiani vadano a sciare all'estero, per Crisanti "bisognerebbe raggiungere un accordo europeo. Servirebbe la responsabilità di altri Paesi, Svizzera, Austria, Francia, peraltro ancora toccati pesantemente".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza