cerca CERCA
Mercoledì 21 Aprile 2021
Aggiornato: 15:18
Temi caldi

Covid, Doris: "Ripartiremo di slancio ma servono più capitali"

06 aprile 2021 | 09.27
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

"I vaccini oggi sono le nostre forze alleate che progressivamente stanno liberando le popolazioni dall'oppressione pandemica":"dobbiamo farci trovare pronti per quando saremo liberati dal virus e vedo molte condizioni favorevoli. L'Europa che, dopo anni di rigore, viene in nostro aiuto con i miliardi del Recovery, di cui una buona parte a fondo perduto, la Bce che continua ad acquistare i nostri i titoli di Stato assorbendo quasi totalmente l'incremento del nostro debito. E poi c'è il fattore Draghi". Lo dice il fondatore di Mediolanum Ennio Doris in un'intervista al Messaggero.

Di cosa ha bisogno l'Italia? "Snellire le procedure, investire nelle infrastrutture per accorciare la Penisola e la spinta digitale. E poi bisogna consentire all'imprenditoria italiana, che non ha eguali al mondo per ingegno, di poter finalmente competere ad armi pari con la concorrenza", sottolinea il banchiere, secondo cui "la nostra economia è bancocentrica, le nostre imprese sono finanziate per il 95% dalle banche. C'è bisogno di un moderno, ampio e trasparente mercato finanziario, come quello americano, quello inglese. Che fornisca su base stabile e continuativa i capitali alle nostre imprese per i piani di lungo termine, di crescita, di internalizzazione, di digitalizzazione. La nostra economia è fatta di piccole e medie eccellenze ed è forte nell'industria manifatturiera. La ripartenza verrà da lì, ma c'è bisogno di capitali provenienti dal mercato, anche estero".

"Il rapporto tra capitalizzazione di Borsa e Pil da noi è il 38%. E pesano tanto banche e assicurazioni. La Spagna, molto meno industrializzata, ha già un rapporto più alto, vicino al 50%. Non parliamo di Regno Unito e Usa, rispettivamente al 118% e al 130%. C'è bisogno di una Borsa ampia, efficiente e che sia specchio della nostra economia", esorta Doris.

"I Piani individuali di risparmio devono ripartire - spiega Doris - Nel decreto Sostegni al Senato c'è un emendamento per innalzare la quota del beneficio fiscale per i sottoscrittori dei Pir da 30.000 a 100.000 euro l'anno. E' indispensabile per arrivare a quel moderno mercato dei capitali necessario al nostro Paese - sottolinea - Serve a canalizzare una delle principali risorse di questo Paese, l'enorme risparmio privato, verso l'economia reale. Un lusso, anzi uno spreco che non possiamo più permetterci".

Sta pensando ai famosi 1.800 miliardi di euro depositati nei conti correnti bancari? "Certamente. Con i tassi negativi sono un costo per le banche, un parcheggio inutile per i risparmiatori e potrebbero essere molto utili se impiegati almeno in parte per la ripresa del Paese".

Perché questa montagna di denaro privato fermo? "la paura, certamente, ma non solo. Gli italiani sono andati avanti per decenni con i titoli di Stato, sottoscrivendo Bot senza pensare al perché lo facevano, cercando un rendimento e basta. Abitudine e disinformazione. Ora un titolo di Stato italiano inizia a dare un rendimento positivo, peraltro modestissimo, solo dopo 5-7 anni. I nostri concittadini sono disorientati. La legge che istituisce i fondi comuni risale al 1983, va aggiornata. E poi manca una cultura assicurativa, perché siamo stati abituati troppo bene da decenni di welfare forte".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza