cerca CERCA
Giovedì 06 Maggio 2021
Aggiornato: 14:30
Temi caldi

Covid, farmaco orale: Pfizer avvia test

23 marzo 2021 | 18.13
LETTURA: 2 minuti

Partono le prove sull'antivirale che negli studi in vitro ha mostrato "una potente attività" contro il coronavirus

alternate text
- (Afp)

La Pfizer annuncia l'avvio dei test clinici su un nuovo farmaco antivirale per il trattamento di Covid-19. Il composto, PF-07321332, è un inibitore dell'enzima proteasi che si somministra per bocca e negli studi in vitro ha dimostrato "una potente attività" contro il coronavirus pandemico, riferisce il colosso americano.

"Dopo i promettenti dati preclinici iniziali - scrive su Twitter il Ceo di Pfizer, Albert Bourla - siamo lieti di condividere l'inizio delle somministrazioni in adulti sani, nell'ambito di un trial di fase 1 che punta a valutare la sicurezza e la tollerabilità del nostro nuovo candidato antivirale orale contro le infezioni da Sars-CoV-2".

La sperimentazione è in corso negli Usa, spiega Pfizer in una nota. PF-07321332 e i risultati dei test preclinici, informa il gruppo, verranno presentati il 6 aprile in una sessione dedicata a Covid-19 durante il meeting Spring American Chemical Society.

"Abbiamo progettato PF-07321332 come potenziale terapia orale che potrebbe essere prescritta al primo segno di infezione, senza richiedere che i pazienti siano ospedalizzati o in terapia intensiva - afferma Mikael Dolsten, Chief Scientific Officer e presidente Worldwide Research, Development and Medical di Pfizer - Allo stesso tempo, il candidato antivirale per via endovenosa di Pfizer", un altro farmaco allo studio, "è una potenziale nuova opzione di trattamento per i pazienti ospedalizzati. Insieme, i due antivirali hanno il potenziale per creare un paradigma di trattamento che integra la vaccinazione nei casi in cui la malattia si manifesta".

"Affrontare la pandemia di Covid-19 richiede sia strumenti di prevenzione come il vaccino sia un trattamento mirato per chi contrae l'infezione - sottolinea Dolsten - Considerato il modo in cui Sars-CoV-2 sta mutando e il continuo impatto globale di Covid-19, sembra probabile che sarà fondamentale avere accesso a opzioni terapeutiche sia ora che oltre la pandemia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza