cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 07:23
Temi caldi

Covid, fonti Atac: "Caos? Bus viaggiano al 55%, sotto capienza consentita"

14 ottobre 2020 | 16.07
LETTURA: 1 minuti

"Anche 50 persone su un bus di 12 metri sono una folla. Il distanziamento è fisicamente impossibile e il rischio è endemico"

alternate text
(Fotogramma)

''Si sta ragionando sull'onda dell'isteria. Il problema non è il trasporto, il problema è il Covid''. Atac, a quanto apprende Adnkronos da fonti dell'azienda di via Prenestina, non ci sta a sentire parlare di caos trasporti e ad essere messa sul banco degli imputati. ''C'è una profonda ignoranza e una, comprensibile, profonda paura tra i cittadini''.

''Tutti fanno foto con i telefonini e le sbattono sui social: 30 persone su un autobus, diventano subito un assembramento. Sui trasporti oggi è prevista una capienza all'80%, significa che su un autobus, che di solito può trasportare 100 persone, ne possono salire 80 mentre su un treno della metro da 1200 persone ne sono ammesse 960''. Ma al momento, si sottolinea, a Roma non si viaggia all'80% della capienza.

''Tendenzialmente gli autobus girano mezzi vuoti. Nei primi giorni di ottobre sulla rete metropolitana in media abbiamo registrato 400mila validazioni, rispetto alle 700mila pre-Covid che significa una capienza al 50-55%. E' normale però che per una persona, che sale su un autobus di 12 metri, 50 persone sono una folla. Il distanziamento è fisicamente impossibile e il rischio è endemico''.

''Si chiama trasporto pubblico collettivo perché porta tante persone, altrimenti sarebbe un noleggio con conducente. Se si pensa che in questo momento sia un problema per la sicurezza dei cittadini lo si chiuda. Poi però -viene rilevato- bisogna capire come faranno le persone a spostarsi''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza