cerca CERCA
Martedì 13 Aprile 2021
Aggiornato: 16:18
Temi caldi

Covid Italia, Berlusconi: "Fare di tutto per evitare nuovo lockdown"

01 marzo 2021 | 18.41
LETTURA: 3 minuti

Il Cavaliere: "Rimboccarsi le maniche contro doppia crisi sanitaria ed economica. Quando finirà blocco dei licenziamenti avremo migliaia di nuovi disoccupati"

alternate text
(Fotogramma)

"Bisogna fare di tutto per evitare che si renda necessario un nuovo lockdown che, oltre a rappresentare un grave danno per le persone, avrebbe conseguenze drammatiche sul sistema economico che, ricordiamolo, è già in grave difficoltà". Lo ha detto Silvio Berlusconi incontrando via Zoom i nuovi sottosegretari di Fi, insieme al viceministro e agli eurodeputati azzurri.

"Da oggi - ha detto Berlusconi - abbiamo il dovere di rimboccarci le maniche per aiutare il Paese ad uscire da questa doppia emergenza, sanitaria ed economica. Pensavamo che il peggio fosse passato, eppure le curve di contagio sono tornate a crescere a causa delle varianti".

"Quando smetteranno di prorogare il blocco dei licenziamenti - ha avvertito il Cav - avremo migliaia di nuovi disoccupati".

"Il primo antidoto a tutto questo", ovvero alla doppia emergenza economico-sanitaria, "sono i vaccini. Sono stato il primo, un anno fa, a firmare con Antonio Tajani e tutti gli eurodeputati di Forza Italia, una interrogazione con la quale chiedevamo alla Commissione europea di creare un coordinamento europeo anche sul tema della sanità. L’Unione europea è partita bene, ma poi si è persa per strada. Abbiamo chiesto - ha ricordato il leader Fi - che vengano fatti rispettare i contratti e che si pretenda che le case farmaceutiche diano seguito agli impegni presi".

"Servono vaccini in Italia -ha avvertito il Cav- e bisogna somministrarli nelle zone dove il virus corre di più per fermarne l’espansione. Israele e Gran Bretagna dimostrano che i contagi si possono fermare grazie ai vaccini. Ci sono due azioni da mettere in campo: predisporsi per realizzare, acquistando i brevetti e gli strumenti, il vaccino anche in Italia. L’altra azione riguarda l’approvazione del vaccino russo, chiamato Sputnik, che, secondo gli esperti, funziona benissimo, ma è in attesa dell’approvazione da parte delle autorità europee. Quando arriveranno, quando finalmente ci sarà anche quello di Johnson and Johnson, dovranno essere distribuiti rapidamente".

E secondo il Cavaliere "era necessario che si mettesse in campo una struttura più efficiente per la somministrazione. Il Piano vaccini scritto da Forza Italia dimostra che è possibile somministrare 500 mila fiale al giorno creando una rete pubblica-privata, civile e militare che collaborino in maniera armonica. Seguendo il nostro piano - ha affermato Berlusconi - avremmo l’80% della popolazione vaccinata entro agosto".

Quanto alla crisi economica, "ci sono molti fenomeni che destano preoccupazione. La chiusura delle scuole rappresenta un grosso sacrificio per i bambini e per le loro famiglie, il ritorno alle zone rosse, un anno dopo il primo lockdown, getta nello sconforto migliaia di imprenditori e interi settori, come quello del turismo, che speravano di poter ripartire. Abbiamo chiesto e pretendiamo dal governo che siano dati risarcimenti subito e in quantità sufficiente", ha detto l'ex premier.

"In una settimana - ha sottolineato il Cav - già abbiamo ottenuto un piccolo successo: il rinvio delle scadenze fiscali che dovevano essere pagate oggi, un rinvio proposto da Forza Italia è diventato realtà. Sarebbe un controsenso chiedere tasse a chi non ha potuto incassare".

"Andremo avanti così, Forza Italia sarà e deve essere la sentinella delle nostre idee fondamentali: la libertà, il cristianesimo, l’europeismo", ha scandito rivolto ai sottosegretari di Fi. "Desidero -ha detto il Cav- fare i miei complimenti ai nostri nuovi sottosegretari. Hanno appena giurato e sono molto soddisfatto che siano proprio loro a rappresentare Forza Italia".

"Come sempre, coerentemente con la nostra storia - ha sottolineato - non abbiamo chiesto posti, ma abbiamo domandato al presidente Mario Draghi di poter mettere le nostre competenze al servizio del Paese. Siamo soddisfatti perché i sottosegretari si potranno occupare di temi veri, di economia reale come al Ministero dello Sviluppo economico o all’Agricoltura. Potranno lavorare per un sistema giudiziario finalmente efficiente, di difesa integrato in Europa alla Difesa, ribadire la centralità del Parlamento e sostenere un settore decisivo e in forte crisi come quello dell’editoria".

"Ho auspicato sin dall’inizio della pandemia - ha rivelato Berlusconi - che si formasse questa maggioranza. Dobbiamo sperare che questo governo possa essere in grado di prendere decisioni non solo giuste, ma anche in tempi rapidi. Quando questo periodo sarà passato -ha concluso il Cav- la collaborazione potrà terminare e i partiti torneranno ciascuno sulla loro posizione, ma io credo che, nel frattempo, saranno maturati".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza