cerca CERCA
Mercoledì 22 Settembre 2021
Aggiornato: 18:29
Temi caldi

Covid Italia, Galli: "Immunità di gregge? Per ora solo scudo da morti e ricoveri"

29 maggio 2021 | 18.08
LETTURA: 1 minuti

All'Adnkronos Salute Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano

alternate text
(Fotogramma/Ipa)

Immunità di gregge traguardo raggiungibile a settembre? "Dipende da cosa si intende. L'immunità di gregge" contro il coronavirus Sars-CoV-2 "non l'ha raggiunta nessuno" dice all'Adnkronos Salute è Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, docente all'università Statale del capoluogo lombardo. "Semplicemente perché, se si intende che non ci saranno più infezioni perché tutti sono immunizzati, non è così. Oggi stiamo aspirando a una protezione contro ospedale, rianimazione e cimitero. Questo è il discorso" sottolinea, commentando le prospettive aperte dalla vaccinazione di massa che sta andando avanti nel Paese e le mete che si stanno ponendo istituzioni e autorità sanitarie.

Raggiungere l'immunità di gregge, ammette l'infettivologo, "sarebbe cruciale perché permetterebbe di liberarci dal virus. Ma Sars-CoV-2 continua a mettere varianti e, finché non avremo un vaccino che ci consenta di combatterle in maniera più decisiva, non sarà possibile raggiungere l'obiettivo".

Insomma, "l'immunità di gregge è un discorso più complicato" di quanto sembri, avverte Galli. "E bisogna fare attenzione" a darlo per scontato. "Faccio solo un esempio: nell'ottobre dell'anno scorso - ricorda - la città di Manaus in Brasile aveva il 76% della popolazione che si era infettata con Sars-CoV-2 e non c'è stata immunità di gregge. Purtroppo è invece emersa quella che tutti conosciamo come variante brasiliana. A buon intenditor, poche parole", conclude l'esperto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza