cerca CERCA
Giovedì 29 Luglio 2021
Aggiornato: 21:23
Temi caldi

Covid, Mattarella a Brescia: "Questo è il tempo del rilancio comune"

18 maggio 2021 | 12.37
LETTURA: 3 minuti

Il presidente della Repubblica: "Necessario che ciascuno faccia la sua parte. Comunità internazionale rinunci a contrasti di fronte a pericoli comuni"

alternate text
(Foto Quirinale)

"Questo è il tempo del rilancio comune". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Brescia. Il capo dello Stato ha espresso la propria "vicinanza a Brescia e alla sua provincia, così pesantemente colpita dalla pandemia". La vicinanza di tutto il Paese a Brescia, ha evidenziato, è "stata ampia. Questo è il tempo del rilancio comune. Ed è una condizione che sottolinea quanto grande sia stata la capacità di resistenza della città", ha detto Mattarella.

In un momento come quello pandemico si è compreso "come Paese e come mondo, quanto dipendiamo gli uni dagli altri e che ognuno deve fare la propria parte" e "nella dimensione internazionale ci auguriamo che serva come insegnamento per accantonare o rimuovere motivi di contrasto e contrapposizione davanti all'evidenza di pericoli di fronte ai quali tutti abbiamo le stesse fragilità e le stesse esigenze".

"Oltre all’augurio per l’anno accademico, vorrei esprimere l’apprezzamento per questa proiezione verso il futuro" dell’Università di Brescia, ha detto il presidente della Repubblica. "Questo è il carattere di questo momento storico: l’attenzione al futuro, la ripresa, quella che viene chiamata la ripartenza, la ricerca di nuovi equilibri di normalità nuova, ma più consapevole, che renda possibile una vera crescita veloce e nuova del nostro Paese".

"In questi oltre sei anni dalla mia elezione ho svolto come un tour fra le nostre università, che continuerà negli ultimi mesi della mia presidenza, per la consapevolezza dell’importanza del ruolo che gli atenei rivestono per il nostro Paese" ha spiegato il presidente della Repubblica. "C’è l’esigenza di rafforzarli, consolidarli e incoraggiarli anche in un obiettivo indispensabile di incrementare il livello di istruzione universitaria nel nostro Paese e la percentuale di laureati nel nostro Paese", ha aggiunto.

Le università italiane, ha detto ancora Mattarella, sono riuscite a "garantire la continuità dell’insegnamento nelle forme consentite e possibili in quelle particolari condizioni che hanno attenuato, ma non eliminato, le privazioni che docenti e soprattutto studenti hanno avvertito. Garantire l’insegnamento è stata un’opera di grande impegno e merito, che ha dato la dimostrazione che non si interrompeva la vita nel nostro Paese. E quindi grazie a tutti gli atenei del nostro Paese che hanno garantito questo compito con uno sforzo impegnativo".

Poi, nel corso della visita al Capitolium di Brescia in occasione del restauro della Vittoria Alata, il capo dello Stato ha ribadito: "Questo è il tempo di pensare al futuro, di progettare e realizzarlo insieme, perché questa è la condizione per poterlo fare con efficacia, in una drammatica emergenza". "Insieme, che non vuol dire abbandonare le proprie prospettive, idee e opinioni ma che si confrontano costruttivamente. Confrontarsi è ben diverso che agitarle come motivi di contrapposizione insuperabile. Questo della proiezione insieme per costruire il futuro è il messaggio che oggi emerge", ha aggiunto.

"E’ importante sottolineare lo stretto legame che intercorre tra cultura e ripresa nel nostro Paese. Una condizione che richiama alla consapevolezza e all’importanza di avviare e progettare la ripartenza" ha affermato il presidente della Repubblica che ha ricordato i "giorni tristi" vissuti dalla provincia di Brescia, colpita duramente dal Covid e la "drammatica emergenza, che abbiamo vissuto e che sta per fortuna per avviarsi, speriamo definitivamente o perlomeno in maniera decisiva, alla conclusione".

Mattarella ha sottolineato che "Brescia e l’intera Lombardia hanno vissuto giorni di particolare sofferenza, di grandi lutti. La generazione più anziana è stata falcidiata in questo periodo, ma questo è il tempo del rilancio, anche in onore di coloro che sono rimasti vittime, è il tempo della ripresa, del pensare e progettare il futuro".

La terza tappa della sua mattinata nella città lombarda è stato il Brixia Forum, dove è allestito uno degli hub vaccinali di Brescia. La visita al centro vaccinale del capo dello Stato è durata circa 15 minuti. Poi Mattarella si è diretto verso l'aeroporto di Montichiari per tornare a Roma.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza