cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 17:41
Temi caldi

Covid oggi Italia, Iss: ecco chi è più a rischio reinfezione

12 marzo 2022 | 13.09
LETTURA: 2 minuti

"Donne, giovani, non vaccinati, persone che si sono contagiate in tempi meno recenti, sanitari"

alternate text
(Foto Fotogramma)

Covid oggi Italia e reinfezioni. Con l'ascesa e il dominio della variante Omicron si è intensificata l'attenzione delle istituzioni sanitarie sugli episodi di persone che si erano già contagiate col virus e che lo hanno preso di nuovo. Ma chi è più a rischio? "Nell'ultima settimana la percentuale di reinfezioni Covid sul totale dei casi segnalati è stata pari al 3,3%, stabile rispetto alla settimana precedente". E' l'ultimo aggiornamento che emerge dal report esteso dell'Istituto superiore di sanità (Iss), 'Covid-19: sorveglianza, impatto delle infezioni ed efficacia vaccinale'.

Leggi anche

Il documento permette anche di tracciare una sorta di 'identikit' dei gruppi che mostrano una maggiore probabilità di ricadere in un nuovo contagio: donne, non vaccinati, persone per le quali è trascorso molto tempo dalla prima infezione, giovani, operatori sanitari. "L'analisi del rischio di reinfezione a partire dal 6 dicembre 2021 (data considerata di riferimento per l'inizio della diffusione della variante Omicron) evidenzia un aumento del rischio relativo aggiustato di reinfezione (valori significativamente maggiori di 1)" per chi ha avuto la "prima diagnosi di Covid notificata da oltre 210 giorni rispetto a chi ha avuto la prima diagnosi fra i 90 e i 210 giorni precedenti; nei non vaccinati o vaccinati con almeno 1 dose da oltre 120 giorni, rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni; nelle femmine rispetto ai maschi".

Per questo ultimo punto, l'Iss spiega che "il maggior rischio nei soggetti di sesso femminile può essere verosimilmente dovuto alla maggior presenza di donne in ambito scolastico (oltre 80%) dove viene effettuata un'intensa attività di screening e al fatto che le donne svolgono più spesso la funzione di caregiver in ambito familiare. Altri gruppi per i quali il rischio risulta aumentato sono "le fasce d'età più giovani (dai 12 ai 49 anni) rispetto alle persone con prima diagnosi in età compresa fra i 50-59 anni. Verosimilmente il maggior rischio di reinfezione nelle fasce di età più giovani è attribuibile a comportamenti ed esposizioni a maggior rischio, rispetto alle fasce d'età sopra i 60 anni". Infine, gli operatori sanitari risultano più a rischio rispetto al resto della popolazione. In generale in Italia, dal 24 agosto 2021 al 9 marzo 2022, sono stati segnalati 251.633 casi di reinfezione, pari a 3% del totale dei casi notificati.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza