cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 00:08
Temi caldi

Covid, Omicron e 'non variante' Xj, sintomi: cosa dicono Bassetti, Pregliasco e Ricciardi

09 aprile 2022 | 15.53
LETTURA: 4 minuti

Caratteristiche e contagiosità della 'ricombinazione', all'Adnkronos Salute parlano gli esperti

alternate text
(Afp)

E' una 'ricombinazione' di Omicron 1 e 2, non una variante del virus Sars-Cov-2, quella isolata ieri a Reggio Calabria e chiamata Xj. Cosa si sa dei sintomi? Quanto è contagiosa? A fare chiarezza sono gli esperti contattati dall'Adnkronos Salute.

Leggi anche

BASSETTI - "La Xj, isolata ieri a Reggio Calabria non è altro che una ricombinazione delle sotto-varianti di Omicron BA.1 e BA.2, dunque contiene un pezzettino dell’una e uno dell’altra. Ma ancora una volta va fatta chiarezza senza alzare un polverone ingiustificato o allarmismo inutile: è nell’ordine delle cose che il virus muti ed evolva, ci saranno sempre varianti e ricombinazioni come abbiamo visto per tanti altri virus - dice Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova - E' nell'ordine delle cose, non c'è da preoccuparsi più di tanto. E come contino a dire sin dall'isolamento di Alfa 'evitiamo il terrorismo delle varianti".

"L'aver scoperto la mutazione Xe in Inghilterra, come anche quella isolata in Calabria, è frutto del fatto che studiamo questo virus come mai avevamo fatto in passato. Ciò da una parte è un bene perché stiamo imparando a conoscerlo, dall’altra però continuano a uscire notizie scientifiche, cliniche, laboratoristiche che dovrebbero essere solo appannaggio della comunità scientifica, che invece quando arrivano al grande pubblico, non pronto a capire fino in fondo cos’è una ricombinazione rispetto a una variante, si diffonde un allarmismo ingiustificato. Per questo - ribadisce - bisogna fare molta attenzione alla comunicazione corretta". Quanto a Xj "per ora tutto quello che sappiamo è che potrebbe essere più contagiosa ma deve assolutamente essere provato. Dunque ci vogliono ulteriori studi".

CICCOZZI - "E' una 'ricombinazione' non una variante del virus Sars-Cov-2" quella isolata ieri a Reggio Calabria, spiega Massimo Ciccozzi, responsabile dell'Unità di Statistica medica ed Epidemiologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma. "La variante, infatti, si distingue da un'altra per una o più mutazioni. La forma ricombinante, invece, è un 'ibrido' di due varianti o due sottovarianti - in questo caso Omicron 1 e 2 - nella stessa persona". Ciccozzi invita a non allarmarsi per questa nuova 'veste' del virus pandemico, individuata per la prima volta in Italia dal laboratorio dell'Asp del capoluogo calabrese e di cui erano stati già scoperti pochi casi in Finlandia.

"Si tratta dunque di una 'normale' forma ricombinante di due varianti di cui conserva, sostanzialmente, le caratteristiche - continua Ciccozzi - e 'ricombina' in un punto che non è la proteina Spike. Dovrebbe avere la stessa contagiosità delle Omicron, dunque, che è notevole. Potrebbe, al limite, presentare un sintomo in più rispetto a quello che abbiamo visto fino ad oggi". Non cambia molto, insomma, ma è importante però, continua Ciccozzi, "avere il quadro di quello che sta succedendo attraverso la sorveglianza genomica, come bene fanno gli inglesi. Noi siamo molto indietro su questo, non facciamo il numero di sequenziamenti che fanno gli altri Paesi. Ma è utilissimo farle perché dal punto di vista evolutivo ci permette di constatare, ad esempio che la variante Omicron e tutte le sue sottovarianti si stanno mischiando tra di loro per adattarsi sempre di più e portarci verso l'endemizzazione".

PREGLIASCO - La Xj "ricombinazione del virus SarS-CoV-2", da non confondere con una variante "potrebbe essere solo una piccola variazione. Per intenderci è come avere una Fiat Panda blu o gialla ma sempre Fiat Panda. Per capire se" ricombinando i pezzi "diventa un'Alfa Romeo o una Ferrari, ci vuole un po’ di tempo e bisogna mettere insieme una casistica, come si sta facendo per la Xe, quella inglese, che ha un migliaio di isolamenti. In questo momento, dunque, la Xj non deve destare alcun allarme, anche se serve sicuramente attenzione e necessità di approfondimento" afferma il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all'università Statale di Milano.

"Quando abbiamo la lettera X - spiega l'esperto - siamo sempre di fronte a ricombinanti, quindi di virus che probabilmente, infettando un singolo soggetto, nella replicazione si ricombinano. Siamo arrivati alla 'j', la 'e' è quella più rilevata in Inghilterra, dunque in questo momento è importante capire che abbiamo la capacità di fare questi sequenziamenti e di monitorare. Finché il virus circola ci saranno tante varianti, quindi prendiamo anche questa nuova ricombinazione come stimolo ad aumentare quello che in Italia si fa poco, cioè il sequenziamento almeno a campione su quantitativi rilevanti. Dopodiché va capita l’importanza epidemiologica ed eventualmente il vantaggio evolutivo che questa ricombinazione ha rispetto ad altre".

RICCIARDI - "La ricombinazione Xj ci preoccupa, combina Omicron 1 e Omicron 2 e questo significa che il virus continua a evolvere per essere sempre più contagioso. Inoltre non sappiamo ancora, sostanzialmente, quale sarà la nuova sintomatologia. Stanno apparendo nuovi sintomi come le vertigini" spiega Walter Ricciardi, docente di Igiene e Medicina preventiva all'università Cattolica, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza.

Il fatto che Xj sia stata isolata in Calabria mentre erano conosciuti solo pochi casi in Finlandia "non deve stupire. La geografia nelle epidemie è sempre molto relativa e fluida. Questo è uno degli elementi strutturali di questa pandemia rispetto al passato: la mobilità delle persone oggi è così rapida che il 'trasporto' del virus è velocissimo. Se vogliamo mantenere le nostre abitudini di mobilità dobbiamo stare attentissimi alle misure di sanità pubblica: vaccino, mascherina, Green pass, comportamenti responsabili, sono capisaldi. Se noi le allentiamo non riusciamo ad appiattire realmente la curva epidemica".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza