cerca CERCA
Domenica 18 Aprile 2021
Aggiornato: 18:39
Temi caldi

Covid, prima infermiera vaccinata in provincia Imperia: "Preparati a emergenza, difendersi è dovere"

03 marzo 2021 | 16.55
LETTURA: 2 minuti

di Silvia Mancinelli
"La situazione ad oggi è altalenante, ma l’ospedale di Sanremo è pronto a sopperire alle necessità della città, ormai da un anno in campo contro il Coronavirus. Vaccinarmi è stata un’emozione, io e i miei colleghi lo abbiamo fatto e oggi affrontiamo questa seconda ondata con un’arma in più". A parlare all’Adnkronos è Monica Allegri, coordinatrice del pronto soccorso dell’ospedale di Sanremo e prima infermiera ad essersi vaccinata in tutta la provincia di Imperia. Sanremese doc, conosce la realtà del festival e il malumore dei ristoratori costretti a riabbassare le saracinesche dei loro locali con il ritorno in zona arancione da mezzanotte.

"Purtroppo, all’interno delle mura ospedaliere, viviamo una realtà che pochi conoscono. Capiamo le necessità di chi vive fuori da questa realtà, gente che ha diminuito o perso il proprio lavoro e che si trova in difficoltà - spiega - Bisogna però rendersi conto che la salute dell'individuo è una necessità prioritaria. L’anno scorso abbiamo vissuto questa pandemia con una incidenza di età superiore, quest’anno è molto più bassa e spaventa tanto. Nessuno ci sta giocando sopra, nessuno ci sta marciando: sono realtà che viviamo e fanno paura".

Lei, che è stata la prima a inocularsi la dose contro il Covid-19 nella sua provincia, dice: "La pandemia ci ha colto di sorpresa ma la reazione è stata immediata da parte dell’azienda e di noi operatori sanitari. Quando ci siamo trovati di fronte alla seconda ondata c’è stato un briciolo di amarezza, di demoralizzazione in tutti noi. Non pensavamo di esserne usciti, certo, ma ci è venuto il magone all’idea di dover rientrare in questa nuova ondata senza una difesa. L’arrivo del vaccino per noi è stata una grande emozione, l’abbiamo accolto tutti con grande entusiasmo, non abbiamo avuto problemi, se non qualche linea di febbre, e stiamo bene. Continuiamo a lavorare al pronto soccorso, un reparto dove arrivano parecchi pazienti Covid e non abbiamo più riscontrato problemi che invece l’anno scorso avevamo affrontato, pur avendo i dispositivi di sicurezza".

Sulla presenza ieri sera sul palco dell’Ariston della collega Alessia Bonari, l’infermiera diventata simbolo della lotta al Covid, dice: "Io mi auguro che la gente capisca che è giusto vaccinarsi per vincerla questa lotta, è necessario per se stessi, per il prossimo e per chi in base alle linee guida non ha la possibilità di farlo. E un dovere di ognuno di noi per difendersi e dobbiamo farlo, se vogliamo arrivare alla fine di questa storia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza