cerca CERCA
Lunedì 14 Giugno 2021
Aggiornato: 18:39
Temi caldi

Covid Usa, Biden: "Saremo arsenale vaccini nel mondo, doneremo 500 mln dosi"

10 giugno 2021 | 20.16
LETTURA: 2 minuti

Il presidente: "Attaccare virus a livello globale, 200 mln dosi donate nel 2021"

alternate text
(Foto Afp)

''Gli Stati Uniti saranno l'arsenale dei vaccini contro il coronavirus nel mondo come l'America era l'arsenale della democrazia durante la Seconda guerra mondiale". Lo ha detto il presidente americano Joe Biden annunciando che Washington donerà 500 milioni di dosi del vaccino Pfizer contro il Covid-19 a 92 paesi a medio e basso reddito. Intervenendo in Cornovaglia, nel Regno Unito, durante il summit del G7, Biden ha detto che ''questi vaccini Pfizer salveranno milioni di vite in tutto il mondo e saranno prodotti grazie al potere della produzione americana''.

"Lo stiamo facendo per salvare vite umane, per porre fine a questa pandemia, tutto qui. Punto", ha detto Biden annunciando la donazione a un centinaio di nazioni che ''ne hanno un bisogno disperato''. Si tratta, ha proseguito, di ''un passo importante di una lotta che è globale''. I vaccini inizieranno a essere spediti ad agosto e 200 milioni di dosi verranno consegnati quest'anno, ha detto il presidente americano parlando da St. Ives, in Inghilterra. Trecento milioni saranno consegnati nella prima metà del 2022, ha proseguito.

“Nei momenti di difficoltà, gli americani cercano di dare una mano. Ecco chi siamo", ha detto ancora il presidente Usa, citando le tragedie della pandemia negli Stati Uniti insieme allo "sforzo erculeo" del governo per riprendersi..

Dicendo che la campagna vaccinale negli Stati Uniti ha "salvato decine di migliaia di vite", Biden ha sottolineato come abbia ''permesso a milioni, milioni di americani di tornare a vivere le loro vite. Dall'inizio della mia presidenza, abbiamo avuto chiaro il fatto che dobbiamo attaccare questo virus anche a livello globale. Questa è una nostra responsabilità".

Parlando del suo incontro con Boris Johnson: "Abbiamo affermato la nostra special relation, come relazione speciale tra i nostri popoli e rinnovato impegno a difendere i valori della democrazia che condividiamo". Un incontro "molto produttivo" durante il quale si è "discusso di un'ampia gamma di questioni su cui Stati Uniti e Regno Unito lavorano in stretta cooperazione".

Ricordando che è stata firmata una dichiarazione che rinnova "il forte fondamento della nostra alleanza", la Carta atlantica firmata 80 anni fa, Biden ha sottolineato che il rinnovato impegno ad affrontare insieme "le sfide chiave di questo secolo: cybersecurity, tecnologie emergenti, sanità globale e cambiamenti climatici". "Abbiamo discusso gli obiettivi comuni nell'avanzare un ambizioso piano d'azione per la crisi climatica", ha concluso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza