cerca CERCA
Mercoledì 27 Gennaio 2021
Aggiornato: 01:02

Covid Veneto, altri 3.498 casi e 83 morti: il bollettino

28 novembre 2020 | 13.06
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Afp)
Roma, 28 nov. (Adnkronos)

"Da ieri in Veneto si registrano 3.498 nuovi casi di coronavirus dopo aver effettuato 48.804 tamponi. Sono 83 morti i morti nelle ultime 24 ore, mentre in terapia intensiva, rispetto a ieri, ci sono 7 persone in più. Possiamo dire che stiamo assistendo ad aumenti contenuti del virus. Ma non è stato certo sconfitto". E' il bollettino di oggi reso noto dal presidente della Regione Luca Zaia nel corso della diretta sulla sua pagina ufficiale.

"Siamo contrari alla riapertura delle scuole il 9 dicembre - ha sottolineato Zaia - I bambini positivi al covid sono 9.431 e negare che esistano i focolai scolastici non va bene. Non ho nulla contro la scuola, anzi, i ragazzi devono andarci, ma abbiamo l'obbligo di dire quella che è la situazione".

"Ieri, durante il black friday i corsi cittadini si sono riempiti. Non va bene, non è stato un bel segnale - ha detto ancora - Noi non abbiamo un ruolo di educatori, ma quello di fare un percorso insieme ai cittadini. Nessuno si senta offeso, ma capite che se si continua così, con gli assembramenti, i contagi saliranno. Poi che nessuno dica di non esser stato avvertito".

"Così si rischia di vanificare gli sforzi immensi fatti per rimanere in zona gialla - spiega Zaia - per garantire anche quel minimo di economia nella regione. Qualcuno credo non abbia capito cosa significhi passare alla zona arancione. Significa chiusura dei confini regionali, autocertificazione, limitazione di spostamenti. Mi appello al senso di responsabilità dei cittadini".

"Nella prima fase tutti avevano paura di morire - dice Zaia - ora sembra solo un problema di chi si trova in ospedale. Non è così, non si può creare un solco tra chi soffre e chi non soffre e non si può passare da 'andrà tutto bene' a 'sono fatti tuoi'. Non sono per lo stato di polizia, non lo sono mai stato e non lo sarò, ma tutti devono capire quello che stiamo vivendo", aggiunge.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza