cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 19:34
Temi caldi

Covid Veneto, Zaia: "Su assembramenti non escludo provvedimento"

08 febbraio 2021 | 13.42
LETTURA: 3 minuti

Il presidente: "Il contesto economico non ha bisogno di mazzate e per questo stiamo riflettendo". E annuncia: "Regione valuta possibilità acquisto vaccini"

alternate text
(Foto Fotogramma)

"Sul mercato ci sono possibilità di acquisto diretto di vaccini, e si tratta dei vaccini autorizzati dall'Ema e dall'Aifa. Per questo la Regione ha preso contatti, anche per iscritto, per valutare se effettivamente, a quanto sembra, ci sia realmente la possibilità di trovare sul mercato i vaccini". Lo ha annunciato il presidente della Regione Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa in cui ha però tenuto a precisare: "L'eventuale acquisto avverrà comunque nell'ambito della legalità totale e rispettosi di tutte le leggi nazionali e europee e non vuole essere in contrapposizione con l'azione del governo ma -ha avvertito Zaia- prima di tutto viene la salute dei cittadini".

E ancora per Zaia: "La disponibilità sarebbe immediata: per il vaccino si tratta di un prezzo più alto di 4-5 volte rispetto a quello del prezzo di acquisto europeo, mentre in un altro caso sarebbe più basso del 10 per cento: una cosa inspiegabile", ha commentato il governatore del Veneto. "Io non so quale sia il contratto stipulato dall'Europa e dal nostro paese, perché non è dato conoscere -ha concluso- ma se avessimo davvero la possibilità di avere più vaccini andremmo più in fretta per vaccinare tutta la popolazione"."Gli assembramenti nel weekend non ci aiutano. Ma non ci sono solo gli assembramenti, abbiamo anche le scuole aperte e, ricordiamoci che in Israele hanno avuto molti più contagi sui bambini con rischio di una variante proprio per queste fasce d'età. I sindaci dei comuni capoluogo faranno una riflessione sul tema assembramenti e anche la regione non esclude di fare altrettanto nelle prossime ore". Ad annunciarlo il presidente del Veneto Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa.

"Certo, il contesto economico non ha bisogno di mazzate con ordinanze, e per questo stiamo riflettendo: ovviamente non si tratterà di chiusura dei confini comunali, e se ci sarà la nuova ordinanza, che entrerebbe in vigore nei prossimi giorni, sarà rispettosa dell'ambito in cui ci troviamo: la zona gialla", ha spiegato Zaia.

"Purtroppo, non posso escludere che ci sia una ripresa del contagio. I numeri mostrano anche oggi che c'è una frenata nel Covid in Veneto, ma attorno a noi il virus è in salita ed è aggressivo. Non abbiamo l'illusione di pensare che questo calo continui all'infinito, e ricordiamo che da lunedì siamo in zona gialla", ha detto ancora il presidente del Veneto spiegando che "soprattutto c'è il tema delle mutazioni del virus che devono essere tenute presenti ed è per questo che l'Iss ci ha chiesto delle sequenziazioni settimanali in modo da fotografare la situazione reale di diffusione di queste varianti sul territorio".

"Sul mercato ci sono possibilità di acquisto diretto di vaccini, e si tratta dei vaccini autorizzati dall'Ema e dall'Aifa. Per questo la Regione ha preso contatti, anche per iscritto, per valutare se effettivamente, a quanto sembra, ci sia realmente la possibilità di trovare sul mercato i vaccini", annuncia. E precisa: "L'eventuale acquisto avverrà comunque nell'ambito della legalità totale e rispettosi di tutte le leggi nazionali e europee e non vuole essere in contrapposizione con l'azione del governo ma prima di tutto viene la salute dei cittadini".

E ancora per Zaia: "La disponibilità sarebbe immediata: per il vaccino si tratta di un prezzo più alto di 4-5 volte rispetto a quello del prezzo di acquisto europeo, mentre in un altro caso sarebbe più basso del 10 per cento: una cosa inspiegabile", ha commentato il governatore del Veneto. "Io non so quale sia il contratto stipulato dall'Europa e dal nostro paese, perché non è dato conoscere -ha concluso- ma se avessimo davvero la possibilità di avere più vaccini andremmo più in fretta per vaccinare tutta la popolazione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza