cerca CERCA
Lunedì 04 Luglio 2022
Aggiornato: 02:01
Temi caldi

Cremonini: Inalca acquisisce distributore Hong Kong cibo italiano

08 marzo 2017 | 17.59
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Inalca Spa, società del Gruppo Cremonini partecipata al 28,4 % da CDP Equity (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti), annuncia l'acquisizione, attraverso la controllata Inalca Food & Beverage del 57,3% delle quote di Bright View Trading Hong Kong Ltd., un importante operatore nella distribuzione di prodotti alimentari italiani di eccellenza nell’ex colonia inglese.

Bright View è stata fondata nei primi anni 2000 dall’imprenditore americano James Robertson e ad oggi, con un fatturato 2016 pari a circa 9 milioni di Euro, annovera oltre 500 clienti tra i principali ristoranti e hotel di Hong Kong e Macao, che serve con consegne giornaliere utilizzando un’efficiente piattaforma logistica e 10 automezzi con oltre 30 dipendenti.

Il socio fondatore rimarrà con una quota della società del 32,9%, mentre il restante 9,8% rimarrà in quota al terzo socio Michele Bernacchia, che assumerà l’incarico di General Manager garantendo la continuità gestionale e l’implementazione del business plan, che prevede il raddoppio dei ricavi nei prossimi 5 anni.

Con questa operazione - si legge in una nota - "IF&B ha l’opportunità di svilupparsi rapidamente in uno dei più importanti mercati di riferimento del business e del turismo mondiale che ha visto arrivare oltre 27 milioni di visitatori nel 2016 ed in cui la domanda di prodotti di eccellenza della cucina Italiana è in costante e forte crescita, considerata anche la presenza di moltissimi Chef e ristoratori di origine Italiana".

Nel corso degli ultimi 4 anni Inalca, attraverso la controllata IF&B, è entrata nel segmento della distribuzione organizzata al mondo Ho.Re.Ca. di prodotti di eccellenza tipici del Made in Italy in Paesi e mercati dove la domanda di food & beverage italiano è in forte sviluppo, fungendo da piattaforma distributiva sui mercati internazionali per tutti quei produttori Italiani piccoli e medi che non hanno la forza e le infrastrutture per far arrivare i loro prodotti sulle tavole dei ristoranti e hotel dall’altra parte del mondo.

Questa di Hong Kong è l’ultima di una serie di acquisizioni che IF&B già ha fatto negli ultimi anni in Australia, Capo Verde, Tailandia, USA, Malesia, Messico ed Isole Canarie.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza