cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 11:39
Temi caldi

Crescono donazioni e lasciti solidali: in Italia donati oltre 785 mln di euro

07 dicembre 2021 | 17.10
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Crescono donazioni, lasciti e la fiducia nel no profit. Come mai nessun'altra emergenza prima, la pandemia da Covid-19 ha segnato gli ultimi due anni in maniera indelebile anche nel campo delle donazioni. Nel mondo le donazioni filantropiche per l'emergenza Covid-19 mappate da candid.org (a cui vanno aggiunte le donazioni individuali piccole e/o anonime) ammontano a 20,6 miliardi di dollari.

In Italia 785,55 milioni di euro sono stati donati in denaro, beni o servizi; 130 milioni di euro sono le erogazioni e raccolte da parte di Fondazioni bancarie (fonte Acri, periodo marzo/agosto 2020); 25 milioni di euro sono stati raccolti attraverso il crowdfunding. Secondo i dati di Comitato testamento solidale, 7 italiani su 10 hanno donato almeno una volta nel corso della propria vita e, negli ultimi due anni (2020-2021), 3 su 10 hanno supportato iniziative di contrasto all'emergenza sanitaria (erano 2 su 10 nel 2020). E nel 2021, il 13 per cento degli italiani ha scelto una onlus per sostenere la lotta all'emergenza Covid-19, più del doppio rispetto al 2020 (6 per cento).

In generale, il non profit si conferma di gran lunga l'attore su cui gli italiani ripongono maggior fiducia per uscire dalla crisi post-pandemica e contribuire a creare una società migliore. Per il 63 per cento del campione le Onp hanno dato un contributo positivo. Seguono Pmi (45 per cento), cittadini italiani in generale (43 per cento), Amministrazioni locali (41 per cento) ed Europa (41 per cento). Più indietro Governo nazionale, grandi imprese e banche. Di pari passo, continua ad aumentare il numero di italiani che hanno già predisposto un lascito testamentario o sono orientati a farlo: il 22 per cento tra gli ultracinquantenni rispetto al 12 per cento nel 2018.

Tale predisposizione è supportata dalla crescente conoscenza del tema testamento solidale: oggi il 73 per cento degli italiani sa di cosa si tratta, percentuale che sale all'83 per cento tra gli over 60. "Negli ultimi due anni il Terzo Settore ha visto aumentare ulteriormente le proprie responsabilità davanti all'inedita emergenza, prima sanitaria e poi sociale ed economica, che ci ha colpiti - dice Rossano Bartoli, portavoce del Comitato Testamento Solidale e presidente della Lega del Filo d'Oro -. La pandemia, da una parte, ha reso più difficili i compiti svolti tradizionalmente dal Terzo Settore; dall'altra, di fronte al crescere delle disuguaglianze e delle incertezze, ha visto aumentare drammaticamente l'urgenza del proprio intervento, che per definizione combatte la disuguaglianza e che per l'incertezza conosce una sola 'medicina': la solidarietà. Solidarietà e lasciti come veri e propri 'vaccini' per creare anticorpi non solo morali ma anche molto concreti contro sofferenze, bisogni o ingiustizie".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza