cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 17:00
Temi caldi

Criminalità: faida Vibo Valentia, polizia esegue 5 misure cautelari

06 marzo 2015 | 14.24
LETTURA: 2 minuti

L'operazione segna l'epilogo di indagini condotte dal gruppo di lavoro della polizia composto dal personale del Servizio centrale operativo e delle squadre mobili di Catanzaro e Vibo Valentia nei confronti della cosca Piscopisani contrapposta alla famiglia Patania di Stefanaconi per il controllo delle attività illecite nell'entroterra di Vibo Valentia

alternate text
/Infophoto - PRISMA

Sono cinque le misure cautelari emesse dall'autorità giudiziaria di Catanzaro ed eseguite dalla polizia di Stato nei confronti di altrettanti indagati responsabili a diverso titolo di omicidio, porto abusivo di armi, favoreggiamento e rapina aggravati dal metodo mafioso.

L'operazione segna l'epilogo di indagini condotte dal gruppo di lavoro della polizia composto dal personale dello Sco (Servizio centrale operativo) e delle squadre mobili di Catanzaro e Vibo Valentia nei confronti della cosca Piscopisani contrapposta alla famiglia Patania di Stefanaconi per il controllo delle attività illecite nell'entroterra di Vibo Valentia.

L'attività investigativa ha consentito tra l'altro di individuare i responsabili dell'omicidio di Fortunato Patania, capo storico del sodalizio, assassinato a Vibo Valentia il 18 settembre 2011.

L'omicidio fu all'origine della cruenta faida che dal settembre del 2011 a luglio del 2012 determinò cinque omicidi e sei tentati omicidi, tra i quali l'assassinio di Davide Fortuna, elemento di vertice dei Piscopisani, ucciso il 6 luglio 2012 sulla spiaggia di Vibo Marina. Le indagini permisero di accertare come la cosca Patania si fosse avvalsa di killer professionisti provenienti dall'Europa dell'Est, assoldati per la violenta rappresaglia contro i Piscopisani e vendicare l'uccisione di Fortunato Patania.

A Vibo Valentia i magistrati della Procura distrettuale antimafia di Catanzaro terranno oggi una conferenza stampa in questura con gli investigatori del gruppo di lavoro della Polizia di Stato, del Servizio centrale operativo e delle squadre mobili di Catanzaro e Vibo Valentia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza