cerca CERCA
Sabato 03 Dicembre 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Criminalità: frode accise su alcolici, sgominata banda internazionale

17 novembre 2014 | 11.32
LETTURA: 3 minuti

Un’organizzazione internazionale dedita al traffico di bevande alcoliche, in particolare birra, in ambito comunitario, è stata sgominata nell'ambito di un'operazione condotta dai funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Bologna e militari della Guardia di Finanza, che hanno accertato diritti evasi per un totale di 28.940.000 euro (Accisa e Iva) oltre le sanzioni. L’operazione è scattata in seguito a una segnalazione dell' Ufficio Centrale Antifrode dell’Agenzia–Ufficio Investigazioni, che ha riscontrato numerose movimentazioni di merce nei confronti di un deposito fiscale con sede nella provincia di Bologna. Sulla base delle successive attività di indagine, l’Ufficio delle Dogane di Bologna ha presentato una denuncia penale per sottrazione all’accertamento di prodotti soggetti ad accisa e associazione a delinquere.

indagini delegate dalla Procura hanno evidenziato il disegno criminoso che prevedeva la creazione di depositi fiscali a cui indirizzare fittiziamente un notevole numero di partite di birra e prodotti alcolici. Per tali movimentazioni veniva comunicato il regolare arrivo della merce attraverso il sistema telematico, mentre, in realtà, l’immissione in consumo avveniva irregolarmente altrove (prevalentemente in altri Paesi Ue). L’utilizzo degli strumenti normativi previsti dalla 'Convenzione Napoli II' e il ricorso al sistema di cooperazione giudiziaria europea Eurojust sono stati fondamentali nello sviluppo delle indagini e nella ricostruzione della struttura dell’organizzazione criminale.

Le attività svolte in collaborazione con le Autorità Doganali degli altri Paesi Ue coinvolti hanno permesso l’individuazione dell’intera organizzazione fino ai suoi vertici. La frode è stata successivamente replicata su tutto il territorio nazionale, interessando 15 depositi fiscali. Complessivamente, quindi, è stata accertata un’accisa evasa pari a oltre 68 milioni di euro e una quantità di prodotti alcolici, prevalentemente birra, irregolarmente immessi in consumo superiore a 189 milioni di litri. Su incarico del Procuratore della Repubblica di Bologna, sono state emesse in Italia 23 ordinanze di custodia cautelare a carico di componenti dell’organizzazione dislocati in 8 regioni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza