cerca CERCA
Lunedì 26 Luglio 2021
Aggiornato:
Temi caldi

Crisi acqua a Roma, domani vertice. Vaticano chiude fontane

24 luglio 2017 | 18.45
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

La sindaca di Roma Virginia Raggi, a quanto si apprende, ha sentito il presidente della Regione Nicola Zingaretti. Domani in Campidoglio ci sarà un incontro al quale parteciperanno l'assessore regionale competente e rappresentanti di Acea, al fine di trovare una soluzione ed evitare il razionamento dell'acqua per oltre un milione di romani. "Ho convocato un tavolo in Campidoglio, metteremo seduti regione e Acea e si troverà una soluzione, anche perché è inimmaginabile che un milione e mezzo di romani non abbiano l'acqua", ha detto in serata la prima cittadina.

"Acea, nello spirito di collaborazione che ha sempre tenuto, nell'ottica del dialogo auspicata anche dal ministro dell'Ambiente, aderisce all’invito formulato dalla sindaca Virginia Raggi dichiarandosi disponibile ad un incontro con la Regione sin da subito", fa sapere la società in una nota.

Oggi, con un altro comunicato, Acea ha chiesto alla Regione un piano alternativo: "Se non sarà illustrato all’azienda e l’ordinanza emessa" in relazione allo stop della captazione dell'acqua dal lago di Bracciano "dovesse restare in vigore, Acea non potrà fare altro che procedere con il piano di rigide turnazioni già annunciato, ovviamente provvedendo ad informare nei prossimi giorni gli utenti circa le modalità di applicazione del piano stesso e fornendo consigli utili sugli usi idrici".

In precedenza, Zingaretti aveva affermato: "Dire ora che bisogna bloccare l'acqua per 8 ore a tutti i romani, o a gran parte di loro, credo sia una esagerazione - ha proseguito -. Io non ho mai fatto e non farò mai polemiche, soprattutto su temi così delicati, ma chiedo ad Acea, che è l'ente gestore, di formalizzare una proposta alternativa".

Intanto "la siccità che sta colpendo la città di Roma e le aree limitrofe della capitale ha indotto anche la Santa Sede a intraprendere misure volte al risparmio dell’acqua: il Governatorato del Vaticano ha deciso di spegnere tutte le fontane, sia quelle esterne ubicate in piazza San Pietro, sia quelle interne dislocate nei Giardini Vaticani e nel territorio della Città-Stato", come riporta Radio Vaticana.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza