cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 19:34
Temi caldi

Crisi: consumatori, +12,3% pignoramenti case, per strada 105mila famiglie

20 settembre 2014 | 11.13
LETTURA: 3 minuti

Dopo aver ricevuto 274,6 miliardi di prestiti triennali al tasso dell'1% dalla Bce, le banche italiane registrano cifre boom sul fronte dei pignoramenti ed esecuzioni immobiliari che seguono all'impossibilità di molte famiglie di far fronte al pagamento dei mutui. La denuncia arriva dai consumatori di Adusbef e Federconsumatori che sintetizzano i dati degli ultimi anni. "Se tra il 2008 ed il 2012 pignoramenti ed esecuzioni immobiliari sono aumentati di circa il 97,8 %, arrivando a sfiorare i 46.000, per il 2012 ci potrebbe essere una ulteriore crescita con un più 12,3%, superando così il 110% nel 2008-2013. Oltre 105.000 case dunque mandate all'asta ed altrettante famiglie gettate nella disperazione, da banche spietate", dicono ad una sola voce Elio Lannutti e Rosario Trefiletti.

E' Prato a registrare la crescita percentuale maggiore, con un +50,7% e + 108 pignoramenti (da 213 a 321); seguita da Bolzano con un + 44,3%; terza Cagliari con un + 41,1%; quarta Roma, con + 32,6%; quinta Torino con + 31,8%; sesta Como con + 31,7%; settima Taranto + 31,4%; ottava Modena + 30,4%; nona Monza + 27,7%; decima Lecce + 23,4 per cento.

In termini assoluti a Milano l'aumento maggiore con + 981 e 6.130 pignoramenti stimati nel 2012; seguito da Roma, con + 884 e 3.591 stimati nel 2012; terza Torino, con + 837 e 3.471 pignoramenti; quarta Monza (+403 e 1.857; quinta Verona + 398 e 2.472 pignoramenti; sesta Bari con + 260 e 1.650 pignoramenti; settima Lecce, con + 359 e 1.890; ottava Como, con + 356 e 1.479 pignoramenti; nona Bergamo con + 250 e 1.701 pignoramenti stimati; decima Cagliari, con + 240 e 824 pignoramenti stimati nel 2012.

Se si sommassero gli aumenti dei pignoramenti dal 2006 (+23%); 2007 (+19%); 2008 (+22,3%); 2009 (+ 15,7%); 2010 (boom del + 31,8%); 2011 (+5,2%); 2012 (+22,8%), si arriverebbe, dicono ancora Adusbef e Federconsumatori, ad un incremento del + 139,8% in sette anni, con la sparizione totale di una città, a scelta, come Udine, Andria, Arezzo o Ancona.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza