cerca CERCA
Sabato 29 Gennaio 2022
Aggiornato: 10:34
Temi caldi

Crollo in chiesa a Napoli

16 marzo 2018 | 10.15
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Vigli del Fuoco /Twitter)

Un crollo di parti murarie e ponteggi si è verificato nella chiesa e nel convento di San Paolo Maggiore nel centro di Napoli. I tre operai coinvolti sono stati tratti in salvo. Il crollo è avvenuto in particolare nel chiostro interno con ingresso su via San Paolo, a pochi passi da via dei Tribunali.

Due dei tre operai sono ricoverati in prognosi riservata all'ospedale Cardarelli che ha diffuso il primo bollettino medico: V.A., 45 anni, ha riportato un trauma da caduta e una contusione polmonare senza fratture e risulta emodinamicamente stabile, pur restando in osservazione. P.G., 33 anni, ha riportato un trauma da schiacciamento e una vasta ferita lacerocontusa del cuoio capelluto, oltre a fratture vertebrali e la frattura del femore, della tibia e del perone. Resta in osservazione intensiva.

"Minuti interminabili" quelli necessari a trarre in salvo l'unico operaio rimasto sotto le macerie. A raccontarlo Domenico Caputo, vicedirigente dei Vigili del Fuoco di Napoli. Per estrarlo dalle macerie si è scavato a mano "perché - spiega Caputo - c'erano ancora parti pericolanti sopra e utilizzare mezzi meccanici avrebbero comportato il rischio di vibrazioni che potevano causare ulteriori distacchi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza