cerca CERCA
Sabato 28 Gennaio 2023
Aggiornato: 01:54
Temi caldi

Giallo sulla sorte di Fidel Castro. Smentita la conferenza stampa all'Avana

09 gennaio 2015 | 11.32
LETTURA: 4 minuti

A rilanciare l'ipotesi della morte il quotidiano americano Diario Las America. Il leader Maximo non compare in pubblico da un anno. Yoani Sanchez su Twitter: "Imparare a vivere senza Fidel". Il 17 dicembre scorso la svolta storica nelle relazioni con gli Usa

alternate text
Fidel Castro ( Infophoto)

E' giallo sulla sorte di Fidel Castro, la cui ultima apparizione pubblica risale esattamente a un anno fa. Secondo il quotidiano americano Diario Las America, il leader cubano sarebbe morto.

La notizia, però, non trova al momento conferme ufficiali. Il portale sudamericano 'Crónica viva', citando un portavoce ufficiale del Centro Stampa Internazionale (Cpi) della capitale cubana, riferisce che il governo di Cuba ha smentito di aver convocato una conferenza stampa, notizia che in un primo tempo aveva alimentato le voci della scomparsa del 'lider maximo'.

Non solo. Il Daily Mail lancia l'ipotesi che gli utenti si siano confusi con la morte del 41enne Fidel Castro Odinga, figlio del principale leader dell'opposizione in Kenya Raila Odinga, avvenuta pochi giorni fa.

Le voci della morte di Fidel sono diventate sempre più insistenti a causa della sua lunga assenza dalla scena pubblica. Il 'lider maximo' non è stato presente neppure agli eventi storici che Cuba ha vissuto negli ultimi giorni, come il ritorno a L'Avana dei tre cubani a lungo in carcere negli Usa per spionaggio e l'annuncio, lo scorso 17 dicembre, del ripristino delle relazioni diplomatiche tra Washington e L'Avana.

Intanto, secondo quanto riferisce il giornale digitale del dissenso 'El Diario de Cuba', riportando dei post pubblicati su Twitter dall'ex deputato dell'Assemblea Nazionale ed ex governatore dello stato di Monagas, José Briceño, centinaia di militari cubani starebbero tornando sull'isola dal Venezuela e c'è grande movimento negli aeroporti con circa 800 cubani che stanno partendo per L'Avana. Secondo, il politico l'esercito cubano avrebbe ricevuto l'"ordine" di tornare sull'isola e aerei "carichi di cubani stanno continuano a lasciare l'aeroporto" di Caracas.

'El Diario de Cuba' citando una fonte anonima, riferisce inoltre che il governo cubano ha proibito la circolazione delle persone nella zona del cimitero di Santa Ifigenia dove presumibilmente è stata costruita la futura tomba di Fidel Castro. "Non ci sono informazioni sul fatto che la tomba sia finita, ma dovrebbe esserlo, perché l'area, chiusa per molti mesi, è stata riaperta", ha detto la fonte, spiegando che la zona in cui presumibilmente Castro sarà sepolto si trova accanto al monumento di Josè Martì, uno dei leader del movimento per l'indipendenza cubana.

E ancora. Secondo il giornale dissidente, esuli cubani a Miami hanno riferito di "tensioni" tra i familiari di Fidel Castro e i militari cubani e hanno notato che quest'anno il fratello, Raul Castro, non ha festeggiato l'anniversario della rivoluzione se non visitando cimiteri.

L'ipotesi di una possibile morte di Castro, formulata più volte in passato, è stata subito rilanciata su Twitter e su altri social network diventando presto virale. Su una pagina Facebook, che ha raccolto più di un milione di "Mi piace" c'è scritto: "Mercoledì (7 gennaio), alle 11 circa, il nostro amato politico è morto. Fidel Castro è nato il 13 agosto 1926 a Biran. Ci mancherà, ma non lo dimenticheremo mai".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza