Home . Cultura . Rimini, Mattotti firma il manifesto di Cartoon Club 2015

Rimini, Mattotti firma il manifesto di Cartoon Club 2015

CULTURA
Rimini, Mattotti firma il manifesto di Cartoon Club 2015

Il manifesto di Cartoon Club 2015 firmato da Lorenzo Mattotti.

E’ firmato da Lorenzo Mattotti, tra i più noti ed importanti fumettisti e illustratori a livello mondiale, il manifesto ufficiale della 31esima edizione di Cartoon Club, il festival internazionale del cinema d’animazione, del fumetto e dei games in programma a luglio a Rimini. "Questo lavoro di Lorenzo Mattotti - spiega Egisto Quinti Seriacopi di Cartoon Club, esperto, curatore di mostre e direttore di RiminiComix - è un sogno, una visione romantica, evocativa, un omaggio alla città di Rimini, e alla manifestazione che si rinnova dopo un lungo periodo".


"Il clown come un familiare personaggio dei fumetti, ma anche un omaggio al cinema di Federico Fellini, simbolo di un’atmosfera di spettacolo, fantasia, arte popolare" prosegue, sottolineando che "dalle sue mani sorge magicamente la piccola fatina, giovane super-eroina, appartenente ad un mondo più contemporaneo tecnologico e forse intellettuale". "Una giovane piccola, fragile creatura destinata a crescere e rinnovarsi, come per tracciare una linea tra passato e presente" conclude Quinti Seriacopi, ricordando che così "Lorenzo Mattotti consegna alla sua lunga professione d’illustratore, narratore, artista, una nuova immagine senza tempo".

Nato a Brescia nel 1954, Lorenzo Mattotti vive e lavora a Parigi. Terminati gli studi di architettura, pubblica i suoi primi fumetti alla fine degli anni Settanta e, all’inizio degli anni Ottanta, fonda con altri artisti il collettivo Valvoline. Nel 1984 realizza 'Fuochi', che viene accolto come un evento nel mondo del fumetto e si aggiudica importanti premi internazionali. E' suo anche il manifesto di Cannes 2000 e i manifesti per l'Estate Romana. Oggi i suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. Tra le collaborazioni eccellenti quella con Lou Reed nel 2010 e con Enzo D'Alò nel 2012.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.