cerca CERCA
Venerdì 03 Dicembre 2021
Aggiornato: 11:11
Temi caldi

Iraq: curdi, milizie sciite problema più grave dell'Is

17 marzo 2015 | 08.58
LETTURA: 2 minuti

Il capo dell'Intelligence regionale denuncia: "Si rischia di esasperare le tensioni tra sette, religioni e gruppi etnici". Poi accusa Baghdad di non trasferire i fondi dovuti a Erbil e ai suoi peshmerga. La tribù di Saddam: "La sua tomba distrutta dagli sciiti, non dall'Is"

alternate text
Infophoto - INFOPHOTO

C'è preoccupazione nel Kurdistan iracheno per l'impazzare nel paese di milizie sciite appoggiate dall'Iran, che combattono contro i jihadisti del sedicente Stato islamico (Is). In un'intervista alla Bbc, il capo dell'intelligence curda, Masrour Barzani, ha affermato che queste milizie potrebbero rappresentare un "problema anche maggiore dell'Is", perché potrebbero esasperare le tensioni tra sciiti e sunniti.

Circa 20.000 miliziani e 3.000 soldati dell'esercito regolare iracheno sono impegnati in un'offensiva di terra contro l'Is per riconquistare Tikrit. Ma Barzani ha espresso forti critiche per il massiccio ricorso alle milizie sciite della Mobilitazione Popolare, che hanno eclissato l'esercito nella battaglia di Tikrit, città a maggioranza sunnita.

"Questo - ha detto - produrrà un problema più grande dell'Is". "Tutti noi dobbiamo combattere insieme contro l'Is - ha proseguito - ma l'effetto è che ci possono essere vendette tra sette, religioni o gruppi etnici e questo sarebbe un problema molto più grave".

Barzani ha inoltre espresso disappunto per il fatto che i miliziani sciiti, così come le amministrazioni pubbliche delle città conquistate dall'Is, ricevano fondi pubblici, mentre da tempo Baghdad trattiene quelli destinati al Kurdistan e ai suoi peshmerga.

Il governo "paga Mosul, paga l'Anbar, che sono sotto il controllo dell'Is - ha detto Barzani - Perché non paga il Kurdistan, che è un alleato (nella lotta contro l'Is, ndr)? Stiamo combattendo un nemico comune, perché non riceviamo il supporto che ci è dovuto?".

Il governo di Baghdad ha smesso di versare i fondi dovuti al Kurdistan a causa di una disputa sugli incassi del petrolio, di cui la regione è ricca.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza