cerca CERCA
Sabato 15 Maggio 2021
Aggiornato: 08:21
Temi caldi

Camper

Da Craxi a Renzi, il voto on the road

03 marzo 2019 | 11.56
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"Il mezzo è il messaggio", diceva Mc Luhan. E i leader politici ne sanno qualcosa: tra pullman e camion, la campagna elettorale on the road è da anni un must, soprattutto nel centrosinistra. Se il precursore del camper è stato Bettino Craxi (che firmò il 'patto dell'Ansaldo' a Milano con Arnaldo Forlani per lanciare la stagione del Caf), fu però Romano Prodi a lanciare questo nuovo trend nei tour alla ricerca del voto. Nel 1996, per lanciare l'Ulivo, l'ex premier girò l'Italia su un vecchio diesel Iveco bianco, un usato sicuro, si direbbe oggi, che parti' da Tricase nel Leccese e arrivò fino a Milano.

Qualche anno dopo il Professore si presentò con un tir giallo di 15 metri con in bella vista il simbolo dell'Unione per le primarie del 2005.

Lo 'copiò' Walter Veltroni, che utilizzò il pullman in ben due occasioni: nel 1999 per la campagna delle europee (in qualità di segretario dei Ds) e poi nel 2008, un anno dopo la nascita del 'suo' Pd a vocazione maggioritaria al Lingotto, in veste di candidato premier e leader dei Dem (alle urne vinse Silvio Berlusconi e si dovette accontentare di costituire un governo ombra).

Anche Matteo Renzi, all’epoca delle primarie del centrosinistra del 2012, poi vinte da Pierluigi Bersani, macinò chilometri a bordo di un camper chiamato Therry, senza il simbolo del Pd e solo con il suo nome stampato a caratteri cubitali sulle alette, per incontrare elettori e simpatizzanti lungo tutta la penisola.

Grillo 'su quattro ruote' per lanciare M5S, Di Battista in scooter contro referendum Renzi

Negli ultimi anni la febbre delle quattro ruote ha contagiato pure altri partiti e movimenti, a cominciare da Beppe Grillo. Un autocaravan tutto bianco fu protagonista del tour del leader del Movimento Cinque Stelle in occasione delle amministrative nel 2012. Nel 2009,invece, il segretario dell’Udc Pier Ferdinando Casini girò il Belpaese in camion durante il suo 'Centro per Centro tour'.

Nel centrodestra, ricordiamo il tir di Gianfranco Fini con la scritta 'Il futuro? A destra' e il camper rosa di Daniela Santanchè utilizzati per la campagna elettorale di Alleanza Nazionale in vista delle elezioni del 2006. Più in alto aveva puntato qualche anno prima Berlusconi che, si sa, ama fare le cose in grande, e preferendo il mare alla strada, nel 2000 aprì la campagna delle regionali a bordo di una nave da crociera ribattezzata 'Azzurra' dove si porto' anche l'amata mamma Rosa.

Ultimo della serie ad inventarsi una campagna elettorale in movimento è stato il pentastellato Alessandro Di Battista. Per dire 'no' al referendum costituzionale del 4 dicembre, nell’estate del 2016, l'allora deputato del Movimento 5 Stelle, e' salito in sella al suo scooter per percorrere migliaia di chilometri e toccare decine di piazze.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza