cerca CERCA
Martedì 04 Ottobre 2022
Aggiornato: 11:37
Temi caldi

Mafia: da Regione Veneto iniziative per contrastare infiltrazioni

22 luglio 2014 | 15.32
LETTURA: 4 minuti

Il progetto "Conoscere le mafie, costruire la legalità" è stato presentato oggi a Palazzo Balbi, a Venezia, insieme ad Anciveneto e l'associazione "Avviso Pubblico"

alternate text

Il Veneto non è una terra di mafia, ma è un territorio che interessa sempre di più le mafie, sia italiane che straniere, sia per la sua posizione geografica, i suoi snodi stradali, portuali ed aeroportuali, sia dal punto di vista economico. Lo attestano i dati statistici sull'infiltrazione mafiosa raccolti dall'associazione 'Avviso Pubblico' Per questo la Regione del Veneto, Anciveneto e l'associazione 'Avviso Pubblico - Enti Locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie' hanno avviato un piano di iniziative formative e di comunicazione sui temi della prevenzione e del contrasto al crimine organizzato di stampo mafioso per amministratori, dipendenti comunali e agenti di polizia locale.

Il progetto, a valenza biennale e in partenza da settembre prossimo, si chiama ''Conoscere le mafie, costruire la legalità'' ed è stato presentato oggi a Palazzo Balbi, a Venezia, dall'assessore regionale alle politiche per la sicurezza Massimo Giorgetti, dalla presidente di Anciveneto Maria Rita Busetti e dal coordinatore veneto di Avviso pubblico Claudio Piron, presenti rappresentanti del Comitato tecnico di polizia locale di Anciveneto.

L'assessore Giorgetti ha sottolineato che si tratta di iniziative fortemente volute dall'amministrazione regionale e si inquadrano nelle politiche di intervento previste dalla legge regionale n. 48 del 2012 "Misure per l'attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, della corruzione nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile".

Grazie a questi corsi gli operatori e i comandanti di Polizia locale potranno perfezionare la propria conoscenza e operatività in questo delicato settore, ma sono previsti anche seminari e altre iniziative di comunicazione rivolti ad amministratori e funzionari pubblici e alla cittadinanza.

Questa è la prima di una serie di iniziative che saranno progressivamente attivate dalla Regione nei diversi settori di intervento per dare concretezza alla legge con l'obiettivo di prevenire e contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale del territorio regionale, di sviluppare la consapevolezza sui rischi legati alla criminalità organizzata e consolidare i valori della legalità.

''La Regione - ha detto Giorgetti - intende mandare un segnale di grande attenzione e presenza nella lotta al crimine organizzato di stampo mafioso e alla corruzione, tanto più significativo e importante in un momento molto delicato come quello attuale, segnato dalle cronache giudiziarie''.

Da parte sua la presidente di Anciveneto Busetti ha sottolineato la condivisione dei sindaci all'iniziativa regionale, in modo da ''rendere il Veneto una terra sicura ed educare alla legalità''. Saranno 74 i corsi che saranno realizzati. Il coordinatore veneto di 'Avviso Pubblico' ha fatto rilevare che le infiltrazioni mafiose in Veneto non sono solo segnali ma una presenza reale che cerca di entrare in un'economia sana e positiva come quella veneta. Occorre sapere leggere questa realtà e e il piano di attività formative è stato pensato per fornire gli strumenti adeguati per farlo.

Oltre ai corsi per le polizie locali, sono previsti altri sette eventi seminariali a carattere provinciale: il primo l'11 settembre a Calalzo di Cadore (Belluno), seguito da quelli a Venezia (28 settembre), Verona (24 novembre), Treviso (9 febbraio 2015), Rovigo (30 marzo 2015), Vicenza (4 maggio 2015) e Padova (25 maggio 2015). Inoltre sono in calendario anche due eventi pubblici regionali, uno a Padova il 29 settembre prossimo e l'altro a Venezia il 15 giugno. Il programma completo è consultabile sui siti della Regione, di Anciveneto e di 'Avviso Pubblico'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza