cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 11:05
Temi caldi

Proteina protegge cervello animali 'ibernati', pista anti Alzheimer

15 gennaio 2015 | 18.56
LETTURA: 3 minuti

E' una proteina che protegge il loro cervello 'ibernato' e permette al risveglio di ricostruire le sinapsi messe a riposo. Lo studio dell'università di Leicester

alternate text

E' il segreto degli animali che vanno in letargo, una proteina che protegge il loro cervello 'ibernato' e permette al risveglio di ricostruire le sinapsi messe a riposo. Per gli scienziati a caccia di un'arma contro l'Alzheimer potrebbe essere una pista da seguire per arrivare al traguardo di nuovi farmaci. Ci sta provando un team di ricercatori dell'università di Leicester, che ha scoperto come la proteina RBM3 che si attiva con lo shock termico sia fondamentale per prevenire la perdita di cellule cerebrali e delle loro connessioni quando la temperatura corporea scende a livelli pericolosi, come succede negli animali che si ibernano per passare l'inverno. Quando è ora, il numero di sinapsi diminuisce e loro entrano in uno stato di torpore. Al momento di risvegliarsi la proteina favorisce il ripristino della normale attività cerebrale.

Anche gli esseri umani hanno questa proteina, ma non sembra funzionare nei malati di Alzheimer. E i ricercatori sperano che un farmaco che ne imiti o ne aumenti l'effetto possa aiutare a ripristinare le funzioni cerebrali perdute nelle persone con demenza. Questo l'obiettivo a cui gli esperti stanno lavorando.

Il primo passo è stato uno studio sui topi, pubblicato su 'Nature': i ricercatori britannici hanno ridotto per 45 minuti la temperatura corporea dei topi con malattia di Alzheimer e di un altro gruppo di roditori sani a 16-18 gradi, per portarli in una condizione simile a quella di piccoli mammiferi in letargo. E hanno scoperto così che la proteina è entrata in funzione e ha fatto il suo dovere negli animali sani quando sono stati riscaldati per tornare a una temperatura normale. Ma lo stesso non è successo ai malati.

Gli esperti spiegano che è noto da tempo il fatto che raffreddare il corpo può rallentare o anche impedire alcuni danni al cervello, è un metodo che si sta esplorando come trattamento per condizioni acute, tipo ictus e lesioni cerebrali. Ma è una via difficile da praticare e comporta rischi "come la polmonite e coaguli di sangue", sottolinea al 'Telegraph' Giovanna Mallucci, che ha guidato il team di ricerca nell'ateneo di Leicester. "Ma capendo come il raffreddamento attiva il processo che impedisce la perdita di cellule cerebrali, possiamo lavorare a farmaci in grado di mimare gli effetti protettivi" di ipotermia e ibernazione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza