cerca CERCA
Giovedì 07 Luglio 2022
Aggiornato: 08:55
Temi caldi

Dalla Campania alla Sardegna, ecco le 'librerie da spiaggia'

18 luglio 2014 | 12.56
LETTURA: 3 minuti

Erano 20 nel 2012, quest'anno si arriverà a 100 e per trovarle c'è un'App

alternate text

Sono comparse per la prima volta nel 2012 a Castellabate, contagiando sin da subito i comuni costieri del Cilento, Castellabate, Montecorice, Pollica-Acciaroli. E se all'inizio erano in tutto circa una ventina, l'anno seguente, nel 2013, il numero era già più che raddoppiato salendo a 50 e quest'anno si prevede di arrivare a 100. La tendenza dell'estate è la 'libreria da spiaggia', grazie alla quale turisti e cittadini possono gratuitamente prendere un libro, leggerlo e poi riporlo sugli scaffali della libreria prima di andar via.

Nato nell'estate del 2012 dall'idea di Legambiente Castellabate, quest'anno il progetto "contagia" anche le coste sarde, pugliesi e calabresi, in quelle località non interessate dal grande turismo. In Sardegna il primo ad aderire è il Comune di Siniscola (Nu), seguito da quello pugliese di Polignano a Mare (Ba). Invece in Calabria ad aderire all'iniziativa è il comune di Falerna (Cz). il progetto ''Librerie da spiaggia'' è stato pensato per favorire la lettura anche in spiaggia attraverso la sistemazione negli stabilimenti balneari di librerie stilizzate.

Lettura ma non solo: ad arricchire Librerie in spiaggia, anche la presentazione di testi, dibattiti e incontri con gli autori. E per questa edizione 2014 arriva l'app gratuita Cityteller che permette di scovare le Librerie nelle vicinanze direttamente da cellulare o tablet.

''Questa iniziativa - dichiara Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente - restituisce e aggiunge valore al territorio a partire dal fattore culturale. È incoraggiante vedere come l'input dell'iniziativa sia partito proprio dal sud, che in questa occasione appare straordinariamente attivo e ricettivo, dimostrando di essere un esempio virtuoso capace di generare e produrre nuova bellezza coinvolgendo volontari e cittadini di tutte le età''.

''La vera forza di questo progetto - spiega Pasquale Colella di Legambiente, ideatore e coordinatore del progetto - risiede proprio nella natura anonima e gratuita del servizio. Lo scopo è far girare cultura diffondendo letture in maniera pratica e immediata, a prescindere da padroni e fruitori del libro".

"Per questo - conclude - il tutto rimane completamente autogestito: il libro si prende e si ripone prima di andar via. Il successo delle scorse stagioni conferma il carattere vincente della formula, che prevede l'incremento della lettura utilizzando prima di tutto i libri 'dormienti' sugli scaffali di casa''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza