cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 10:31
Temi caldi

Dalla giovinezza all'addio al potere, Diocleziano 'L'imperatore guerriero' e persecutore

01 luglio 2014 | 13.29
LETTURA: 4 minuti

E' uscito il nuovo romanzo del giornalista Giulio Castelli, un'autobiografia immaginaria di un grande combattente e stratega e grande riformatore, passato alla storia per la persecuzione contro i Cristiani e per essere stato l’unico imperatore romano ad abdicare e ritirarsi

alternate text

Un'autobiografia immaginaria di Diocleziano, grande combattente e stratega e grande riformatore, passato alla storia per la persecuzione contro i Cristiani e per essere stato l’unico imperatore romano ad abdicare e ritirarsi. E’ 'L’imperatore guerriero' del giornalista Giulio Castelli, in libreria edito da Newton Compton.

"La mia ambizione è stata di scrivere un libro ricco di eventi, di appassionanti vicende private, di conflitti bellici e religiosi - sottolinea l'autore - Uno scontro tra tolleranza e fanatismo. Tra una concezione del mondo ancora classica e la nuova mentalità che porterà al medio evo. Poi di ricordare la figura di Diocleziano che, secondo me, merita una attenzione speciale. E’ stato l’uomo che impersonò per certi versi uno degli ultimi sussulti di razionalità in un mondo che si stava avviando verso le tenebre dell’irrazionale".

"La sua capacità di analisi dei problemi politici, strategici ed economici è talmente moderna, seppure in molti casi incapace di trasformarsi in misure adeguate - prosegue Castelli - da essere una lettura interessante per tutti coloro i quali hanno a cuore la cosa pubblica. Diocleziano, il grande dirigista, sembra sfidare dalla profondità dei secoli i politici e i grandi decisori di un’epoca come la nostra proiettata ciecamente verso il liberismo più sfrenato. Infatti il suo messaggio, a distanza di oltre mille e settecento anni, appare ancora vivo e integro nella sua essenza".

''Il libro si articola su tre parti - spiega Castelli - Nella prima ('Diocle di Salona') il protagonista narrante racconta come in una specie di autobiografia immaginaria la propria giovinezza. In questa parte prevale la fiction. Infatti le fonti antiche sono avare su quel periodo della vita di Diocleziano e ciò mi ha permesso di colmare i vuoti con la fantasia. Lo sfondo è però assolutamente veritiero. Le vicende che coinvolgono il giovane Diocle sono storiche. Documentati i fatti relativi ai grandi imperatori militari che in quell’epoca - siamo nella seconda metà del III secolo - tentano di restaurare l’ordine dopo decenni di anarchia. Le figure di Claudio II il Gotico, Aureliano, Probo e della regina Zenobia di Palmira, sono ritratte sulla base di quanto anticamente fu scritto di loro e di quanto ha verificato la moderna critica storica".

"La seconda parte del romanzo narra l’ascesa al potere di Diocle, divenuto Diocleziano, e le difficoltà che egli incontra nell’affrontare i complessi problemi di uno stato immenso e corrotto, squassato da crisi demografica, economica e morale. Questa parte, intitolata 'Il riformatore' racconta infatti gli sforzi sovrumani del grande statista. Una parte più “politica” che dovrebbe interessare, e per certi versi inquietare - sottolinea - il lettore attento ai fatti di oggi".

"La terza parte è invece incentrata sulla grande persecuzione contro i Cristiani ed è intitolata 'Il persecutore'. Sono particolarmente coinvolgenti - evidenzia Castelli - le cause che spingono Diocleziano ad accettare addirittura contro la propria indole e volontà quanto gli viene richiesto da varie parti. Vi è descritto il suo dramma personale attraverso i tentativi di porre fine al bagno di sangue".

"Il romanzo si conclude con l’abdicazione di Diocleziano, unica nella storia della Roma imperiale. Il principe, vecchio e malato, si è ritirato nel suo palazzo in Dalmazia (che darà origine alla città di Spalato) e da lì vede disgregarsi la complessa e grandiosa costruzione da lui voluta: la Tetrarchia, ovvero l’ordinato succedersi di imperatori e di loro vicari e il regolare funzionamento dello stato. Assisterà invece a crudeli lotte di successione e all’ascesa di Costantino, l’uomo audace ma privo di scrupoli che già aveva servito ai suoi ordini. Diocleziano vede in lui non la volontà di agire per il benessere pubblico ma soltanto l’aspirazione al potere. Da allora l’impero diverrà cristiano, ma non sarà più il principato del primo tra i pari - spiega l'autore - bensì la monarchia assoluta di un despota".

Giulio Castelli si è occupato di politica estera e di cultura in due quotidiani nazionali e ha poi lavorato in aziende editoriali. Le sue opere principali sono 'Il fascistibile' (Bompiani), 'Il Leviatano negligente, potere e inefficienza in Italia' (Acropoli), la trilogia sull’ultimo secolo dell’impero romano d’Occidente ('Imperator', 'Gli ultimi fuochi dell’impero romano', '476 Anno Domini', tutti pubblicati da Newton Compton editori) e 'Il diario segreto di Marco Aurelio' (anche Newton Compton). Ha condotto trasmissioni radiofoniche della Rai e partecipato a trasmissioni televisive.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza