cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 04:00
Temi caldi

D'Ambrosio: il ricordo di Grasso in aula al Senato, minuto di silenzio

01 aprile 2014 | 17.46
LETTURA: 2 minuti

"Gerardo D'Ambrosio era un combattente, un combattente sempre" che "dopo la magistratura si occupò di giustizia come senatore. Lasciò la toga ma mai abbandonò l'impegno per la giustizia". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso, ricordando in aula la figura dell'ex capo della procura di Milano scomparso domenica scorsa.

"Come emerge chiaramente nei suoi interventi -ha ricordato- in particolare in occasione degli annuali dibattiti sulla relazione del ministro della Giustizia, D'Ambrosio era consapevole delle gravi difficoltà che affliggevano, e ancora purtroppo affliggono, il sistema giudiziario italiano, in particolare i lunghi tempi di definizione dei processi. Era convinto che per risolvere il problema fosse necessario intervenire sulla disciplina delle impugnazioni per adeguarle alla logica del rito accusatorio, rimediando così ad una lacuna lasciata dal legislatore nel 1988".

"La passione civile -ha sottolineato Grasso- lo portò in varie occasioni ad esprimere insoddisfazione per la difficoltà, incontrata nella nuova veste di parlamentare, di intervenire in modo efficace sui nodi irrisolti della giustizia. Una volta mi confidò: 'Questi non ci ascoltano'. Per lui i princìpi venivano prima delle contingenze perché i princìpi sono i valori fondanti dello Stato di diritto, della giustizia, della democrazia". Su invito del presidente, l'assemblea di palazzo Madama ha quindi osservato un minuto di silenzio.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza