cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 08:01
Temi caldi

Danimarca, un'altra giraffa rischia la vita. Il presidente ceceno: "La salvo io"

13 febbraio 2014 | 20.55
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Il presidente ceceno Ramzan Kadyrov è pronto a salvare la vita a Marius, un maschio di giraffa che rischia di essere abbattuto da uno zoo danese, dopo l'analoga sorte toccata a un altro esemplare con lo stesso nome. Kadyrov, si legge sul sito del Guardian, ha postato la sua offerta sul suo account Instagram, sullo sfondo di immagini della morte del primo Marius, ucciso e poi dato in pasto ai leoni allo zoo di Copenaghen.

Il presidente ceceno, accusato di violazioni di diritti umani, si dichiara un amante degli animali e dispone di un grande zoo personale. "Ho letto che in Danimarca vogliono metter fine alla vita di un'altra giraffa- afferma il leader ceceno- per motivi umanitari, sono pronto a ospitare Marius".

Domenica l'uccisione del cucciolo di giraffa Marius, abbattuto perché il suo corredo genetico non era in linea con il programma di riproduzione dello zoo, ha sollevato proteste in tutto il mondo. Nella giornata odierna si è appreso che un altro zoo danese, il Jyllands Park, potrebbe uccidere una giraffa maschio di sette anni perché è in arrivo un esemplare femmina che si deve accoppiare con l'altro maschio, presente nel recinto.

"Al momento - ha spiegato lo zoologo Jasper Moehring alla Bbc - non c'è nessun problema. Marius è una buona compagnia per Elmer e sono una fantastica attrazione per i nostri visitatori. Ma il problema sarà quando ci sarà la femmina. I due maschi combatteranno, questo potrebbe provocare la morte di uno di loro".

Lo zoo, ha detto Moehring, avrà un preavviso di sei mesi prima dell'arrivo della femmina, e la sua priorità sarà quella di trovare una nuova casa per Marius. Ma, ha sottolineato, questo non dovrà danneggiare il corredo genetico attentamente regolamentato delle giraffe, altrimenti Marius dovrà essere soppresso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza