cerca CERCA
Sabato 16 Ottobre 2021
Aggiornato: 23:27
Temi caldi

Calcio: De Laurentiis, dopo Higuain clausole rescissorie solo per l'estero

01 settembre 2016 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Aurelio De Laurentiis - Afp

"Quasi tutti i contratti credo che abbiano le clausole rescissorie. Innanzitutto diciamo che non sono vendibili in Italia ma all'estero e per non meno di x milioni. Abbiamo deciso così dopo il fatto della Juve con Higuain, che ci ha infastidito". Lo rivela il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, nel corso di un'intervista a Radio Kiss Kiss Napoli, il giorno dopo la chiusura del mercato.

"I cartellini sono costati di più di 115 milioni, a centrocampo ci siamo rinforzati tantissimo -sottolinea il numero uno del club azzurro-. In prospettiva siamo la squadra europea che si è rafforzata di più in mezzo al campo. Sarri è un maestro di calcio e ha in mano materiale per giocare con più moduli e su più fronti. Anche in difesa ci siamo rafforzati e non ne avevamo bisogno".

"Il Chelsea ha offerto più di 50 milioni per uno dei nostri difensori. Poiché c'è questa boiata della Coppa d'Africa, abbiamo pensato di rafforzarci anche in difesa -prosegue De Laurentiis-. In attacco siamo esplosivi. Gabbiadini incedibile perché ha trovato sintonia con Sarri che è uno scultore di anime, di corpi, di tattiche. Gabbiadini ed altri non devono adombrarsi. Vale anche per Insigne. Milik non lo devo paragonare a Higuain. Prima giocavano tutti per Higuain, oggi giocano tutti per tutti, per la squadra"

Il presidente del Napoli spiega la vicenda legata a un possibile ritorno di Edinson Cavani: "Ho chiamato Jean Michel Blanc e gli ho chiesto se Cavani voleva andare via, lui mi ha detto che non era vero. Mi fa piacere, però, che Cavani non solo perché ha le figlie a Napoli sia rimasto legato alla nostra città: è un fatto che mi riempie di gioia".

"Adesso cominciamo a lavorare già a gennaio. Facciamo gli scongiuri, qualcuno si fa male, qualcuno non risponde alle esigenze di Sarri. Vediamo come uscirà il melone, non lo abbiamo ancora aperto", conclude De Laurentiis.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza