cerca CERCA
Mercoledì 28 Luglio 2021
Aggiornato: 10:26
Temi caldi

Polizia

Delitti in 3D indietro nel tempo, il teatro virtuale della Scientifica

28 dicembre 2018 | 15.10
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma)

"Il progresso altro non è che un’utopia che si fa storia". Così il direttore centrale anticrimine, prefetto Vittorio Rizzi, ha presentato oggi a Roma, presso la sede della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, alla presenza del ministro dell'Interno Matteo Salvini e del capo della Polizia Franco Gabrielli, il ‘teatro virtuale’ della polizia Scientifica. Si tratta del laboratorio più all’avanguardia della Polizia scientifica, il novantaduesimo, che consente di inserire in un modello virtuale tutte le evidenze scientifiche del sopralluogo (come impronte, traiettorie balistiche, tracce genetiche) e tutti i risultati d’indagine (come intercettazioni e pedinamenti) perché l´investigatore o il magistrato possa rivivere quanto accaduto nelle condizioni di luce e nelle diverse prospettive degli attori della scena criminale (QUI IL VIDEO).

Un sogno che si fa realtà, sintesi delle tecnologie più innovative provenienti dai settori dell'architettura, del cinema e persino dei videogiochi, che oltre a ricostruire la scena del crimine con le tecniche 3D del digitale, consente di tornare indietro nel tempo rivivendo i drammatici momenti del delitto, a tutto vantaggio dell'accertamento della verità. “È il primo laboratorio forense ad avere la realtà virtuale e probabilmente unico al mondo”, viene spiegato.

Due laboratori in partenza, sono stati riempiti di tecnologia (sofisticati software di ricostruzione 3D, camera maching, fotogrammetria, utilizzo di avatar e in futuro anche tecnologie che consentiranno l'ingresso sulla scena del crimine delle dimensioni del tatto e dell'olfatto): qui vi lavora una squadra selezionata di ingegneri, informatici, fisici ed architetti, “investigatori del terzo millennio”, che ha testato il sistema su cold case e casi complessi di omicidio.

“Quando abbiamo pensato questo laboratorio ci guardavano tutti con molto sospetto perché era un’idea fortemente avveniristica - sottolinea Rizzi -. Ma come diceva Oscar Wilde nessun viaggio vale la pena di essere intrapreso se non ha come meta un sogno un’utopia. Questo vale nella vita, nella politica e a maggior ragione nella ricerca scientifica”. In questo Polo, casa della Polizia, “non c’è solo la storia, qui c’è anche un’amministrazione che guarda avanti. Noi siamo orgogliosi delle nostre origini e delle nostre professionalità: uomini e donne che guardano al futuro”, evidenzia Franco Gabrielli invitando poi il ministro Salvini “ad entrare nel futuro della scienza forense”.

Il vicepremier sperimenta così la realtà virtuale rivivendo la scena del crimine dell’attentato all’ex presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci. “Bestiale”, esclama sorpreso da tale livello di tecnologia che permette una perfetta corrispondenza con la realtà. “Se poi sognarlo puoi farlo: è quello che ho scritto sui biglietti di auguri di Natale lo scorso anno”, esordisce il titolare del Viminale dopo il test del teatro virtuale.

“Sono contento di partecipare ad un evento che ci pone all’avanguardia a livello europeo, se non a livello mondiale”, continua Salvini dicendosi “orgoglioso” che da questi uffici, “da due depositi sia venuto fuori qualcosa di impressionante che ci aiuterà nella soluzione di parecchi problemi”, considerando “che le sfide della criminalità sono tante”. E sprona chi ha creduto nel progetto “ad andare avanti con altrettanta visionarietà”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza