cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:56
Temi caldi

Difende la fidanzata, 20enne ucciso a sprangate dal branco

27 marzo 2017 | 07.07
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Nella foto Emanuele Morganti (Dal suo profilo Facebook)

È morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato a calci, pugni e sprangate per difendere la fidanzata nella notte tra venerdì e sabato nella piazza centrale della città. Il giovane era stato ricoverato a Roma e sottoposto a un intervento chirurgico per ridurre le lesioni ma non c'è stato nulla da fare.

Una lite per difendere la fidanzata, oggetto di battute pesanti da parte di un giovane albanese, forse ubriaco. Poi il pestaggio violentissimo in strada, fuori del locale, aggredito da diverse persone. Così è morto Emanuele: i medici del Policlinico Umberto Primo di Roma, dove è stato trasportato in eliambulanza e operato, non sono riusciti a salvarlo.

Il pestaggio "davanti al locale Mirò è stato immortalato da una telecamera della videosorveglianza del Comune. In quella piazza è sistemata una delle 21 telecamere che sorvegliano altrettante zone della cittadina ciociara". E' quanto si legge sulla pagina Facebook 'Città di Alatri', che riporta anche una dichiarazione del sindaco Giuseppe Morini, secondo cui la telecamera "venerdì notte era perfettamente funzionante e ha ripreso tutti i momenti del pestaggio fornendo un contributo importante alle indagini".

Il giovane, pestato a calci, pugni e con un oggetto che forse potrebbe essere una spranga di ferro o un paletto, è apparso fin da subito in condizioni gravissime, con fratture multiple al cranio ed emorragia cerebrale.

A scatenare il brutale pestaggio, su cui ora indagano i carabinieri del Comando provinciale di Frosinone, una discussione tra il 20enne e un coetaneo albanese che avrebbe infastidito la sua ragazza. Dopo la lite, scoppiata intorno alle 3 all'interno del Mirò di piazza Regina Margherita, ora posto sotto sequestro, i due contendenti sarebbero stati accompagnati fuori e, a quel punto, una decina di persone o forse più avrebbero circondato Emanuele massacrandolo di botte. Al momento, a quanto si apprende, è al vaglio la posizione di alcune persone.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza