cerca CERCA
Domenica 27 Novembre 2022
Aggiornato: 07:43
Temi caldi

Difesa, M5S: "Dietrofront governo grazie a nostra determinazione"

31 marzo 2022 | 14.56
LETTURA: 2 minuti

"Parole Draghi oggi stonano con nota diffusa da P. Chigi dopo incontro con Conte"

alternate text
(Foto Fotogramma)

Difesa e spese militari, "secondo le dichiarazioni odierne di Draghi 'il vincolo del 2024 è stato preso più come un'indicazione non come un obiettivo, perché molti governi europei lo hanno disatteso. E' un obiettivo a cui bisogna tendere con continuità e con realismo'. Sono parole importanti che finalmente chiariscono quel che il M5S sta ripetendo da giorni. Sono parole però che stonano con la nota diffusa da Palazzo Chigi dopo l'incontro con Conte, dove si leggeva che 'i piani concordati nel 2014, e seguiti dai vari governi che si sono succeduti, prevedono entro il 2024 un continuo progressivo aumento degli investimenti'". Così il Movimento 5 Stelle, in una nota.

"Per Palazzo Chigi 'non possono essere messi in discussione gli impegni assunti, se ciò avvenisse verrebbe meno il patto che tiene in piedi la maggioranza'. Riteniamo un bene che ci sia ora convergenza sulle nostre posizioni, ma narrazioni di comodo non possono distorcere la realtà: il M5S da giorni chiede un confronto proprio sulle tempistiche, oltreché sulla strategia per la nostra sicurezza e sulla qualità dei relativi investimenti", sottolinea ancora il Movimento.

"Il dietrofront del governo, del ministro Guerini e del premier Draghi, a fronte della nostra determinazione è il segno convincente che la battaglia del M5S muove da una posizione di legittimo buon senso. E' il segno che per i cittadini rimane prioritaria la tutela di famiglie e imprese che faticano a far quadrare i conti a fine mese. Fino a ieri tutti a dire che l'impegno con la Nato di arrivare al 2% entro il 2024 non si poteva discutere, soprattutto adesso con la guerra in Europa, perché ne andava della credibilità dell'Italia. Oggi finalmente tutti possiamo convenire, grazie al M5S, che questo obiettivo è tendenziale e va graduato ben oltre il 2024, in termini compatibili con il nostro quadro di finanza pubblica e con le nostre priorità economiche e sociali", conclude la nota.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza