cerca CERCA
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:41
Temi caldi

Djokovic ammette: "Positivo al Covid ho rotto isolamento per intervista"

12 gennaio 2022 | 07.49
LETTURA: 2 minuti

Il numero 1 del tennis: "Ho rispettato distanze e indossato mascherina"

alternate text
(Fotogramma)

Novak Djokovic lo ammette: due giorni dopo essere risultato positivo al coronavirus ha infranto le regole di isolamento per incontrare un giornalista per una intervista. Su Instagram, il numero uno del tennis mondiale ha ammesso che sì, avrebbe dovuto rimandare. "Mi sono sentito in dovere di condurre l'intervista a L'Equipe perché non volevo deludere il giornalista", ha scritto Djokovic nel post di Instagram. IDjokovic ha garantito che in quell'occasione ha ''preso le distanze sociali e ho indossato una mascherina, tranne quando è stata scattata una fotografia".

Leggi anche

Nel post, il campione serbo ha anche accusato il suo agente di aver commesso un errore nel modulo di viaggio per l'Australia, dove è andato per giocare gli Open 2022. E' invece ''disinformazione'', ha aggiunto, quella che sostiene che sia andato in giro dopo il test positivo del 16 dicembre. "Voglio chiarire la continua disinformazione riguardo le mie attività e gli eventi a cui ho partecipato dopo la mia positività al Covid a dicembre. Questa è disinformazione che va corretta, in particolare per l'interesse di dell'ampia comunità preoccupata per la mia presenza in Australia e per il dolore e la preoccupazione che sta provocando alla mia famiglia", scrive Djokovic.

NESSUNA DECISIONE PRIMA DI GIOVEDÌ

Una decisione sullo status del visto della star del tennis mondiale Novak Djokovic non è prevista fino a giovedì, secondo quanto riferito dall'agenzia di stampa australiana Aap. La partecipazione di Djokovic agli Australian Open della prossima settimana non è chiara perché il ministro dell'Immigrazione australiano Alex Hawke potrebbe usare il suo potere esecutivo per annullare il visto del campione serbo. Lunedì un tribunale di Melbourne aveva annullato una cancellazione originale del visto di Djokovic la scorsa settimana in connessione con le rigide regole di ingresso dell'Australia relative al coronavirus. Djokovic non è vaccinato. L'ufficio di Hawke ha affermato che ulteriori informazioni dagli avvocati di Djokovic hanno posticipato i tempi per una decisione.

"Gli avvocati del signor Djokovic hanno recentemente fornito lunghe ulteriori osservazioni e documentazione di supporto ritenuti rilevanti per la possibile cancellazione del visto del signor Djokovic", ha affermato l'ufficio di Hawke in una dichiarazione. "Naturalmente, questo influenzerà il lasso di tempo per una decisione". Nove volte campione record al Melbourne Park, il 34enne Djokovic sta cercando il 21esimo titolo del Grande Slam in carriera se gli sarà permesso di rimanere in Australia e giocare. Djokovic ha trascorso un'ora alla Rod Laver Arena mercoledì, la sua terza sessione di allenamento da quando è stato rilasciato dalla detenzione in hotel.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza