cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 19:30
Temi caldi

Francia: Luz, ho disegnato Maometto che piange, ho pianto anch'io

13 gennaio 2015 | 17.57
LETTURA: 3 minuti

"Sono Charlie, sono poliziotto, sono ebreo e anche musulmano", spiega il vignettista autore del disegno che figura sulla prima pagina del nuovo numero del giornale satirico.

alternate text

"Ho disegnato un Maometto che piange, mi dispiace l'abbiamo ancora disegnato, ma il Maometto che abbiamo è disegnato è un Maometto che piange prima di ogni altra cosa". Così Luz, il vignettista autore della prima pagina del nuovo numero di 'Charlie Hebdo' in edicola domani, spiega, nel corso di una conferenza stampa nella sede di 'Liberation' che ospita la redazione del settimanale satirico, il suo disegno: "Ho seguito un'idea. Maometto che sta piangendo e poi abbiamo aggiunto 'tutto è perdonato'. Ho pianto. Avevamo finalmente trovato la nostra prima pagina. Non quella che il mondo voleva, non quella che i terroristi volevano", sottolinea Luz visibilmente commosso.

Fino alla scadenza prevista per lunedì sera, racconta Luz a 'Liberation', "abbiamo avuto numerose idee per la prima pagina. Avevo disegnato, ad esempio, due jihadisti che arrivavano al cielo e che chiedevano 'dove sono le 70 vergini?' e con i vignettisti morti che rispondevano 'Con la squadra di Charlie, perdenti!'". Ma Catherine Meurisse, altra vignettista di Charlie Hebdo, "mi ha detto che non voleva vedere i jihadisti sulla prima pagina di Charlie, che era dare loro troppo onore. Aveva completamente ragione. Ne abbiamo immaginate altre".

Di disegni, spiega ancora Luz, "ne ho abbozzati una ventina, stavo diventando pazzo". E poi, racconta, "ho avuto l'idea di disegnare il mio personaggio di Maometto che aveva fatto tanto discutere. E farlo reggere un manifesto 'Je suis Charlie'. Mi ha fatto ridere". "Ho visto questo personaggio utilizzato, suo malgrado, da pazzi che fanno scoccare la scintilla, dai terroristi. Degli stronzi che non hanno humour: sono quelli i terroristi. Ovviamente tutto è perdonato, Maometto, vecchio mio".

"Siamo ancora Charlie. Sono Charlie, sono poliziotto, sono ebreo e anche musulmano", sottolinea ancora Luz. "I terroristi che ci hanno attaccato vogliono l'odio tra la gente e anche tra chi credono di difendere. E quindi sì sono Charlie, sono poliziotto, sono musulmano e sono anche ateo", insiste ancora Luz.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza