cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:17
Temi caldi

Dombrovskis: "Frena economia Ue, soprattutto in Italia"

02 aprile 2019 | 16.09
LETTURA: 2 minuti

Il vicepresidente della Commissione Europea annuncia una possibile "riduzione al ribasso delle stime di crescita dell'Eurozona in primavera"

alternate text
(Afp)

L'economia dell'area euro "sta rallentando", un rallentamento che colpisce tutte le maggiori economie, "specialmente l'Italia", e che potrebbe portare a ridurre le previsioni sulla crescita attesa dell'Eurozona in maggio. Lo ha spiegato il vicepresidente della Commissione Europea Valdis Dombrovskis, in audizione alla commissione Econ dell'Europarlamento, a Bruxelles. "Se guardiamo agli sviluppi economici in Europa - ha detto - vediamo che la crescita economica sta rallentando. Le ultime previsioni parlavano di una crescita dell'1,3% nell'area quest'anno, ma in realtà i dati che continuano ad arrivare dopo le previsioni economiche d'inverno suggeriscono che questo rallentamento continua e in realtà potremmo avere dati di crescita inferiori nelle previsioni economiche di primavera". "In più - ha continuato il politico lettone - vediamo un rallentamento in tutte le maggiori economie dell'Eurozona, in Germania, Francia e Italia, direi specialmente in Italia, ma anche nel Regno Unito e in Spagna. Quindi è un fattore abbastanza ampio: una cosa che abbiamo ripetutamente sottolineato agli Stati membri è che i Paesi dovrebbero utilizzare i periodi positivi, dato che siamo nel settimo anno di crescita economica, per ridurre i deficit di bilancio e per mettere la traiettoria del debito su una via chiaramente discendente". "Mentre possiamo essere soddisfatti della politica complessiva di bilancio, la composizione non è l'ideale: ci sono Paesi ai quali abbiamo raccomandato di usare lo spazio di manovra per stimolare l'economia, che lo hanno fatto in misura minore di quanto desiderato, e sfortunatamente alcuni Paesi con alti livelli di deficit e di debito sono stati lenti a ridurli, cosa che è un fattore di rischio che monitoriamo con molta attenzione", ha concluso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza